le 5 canzoni d'amore più oscure di sempre

Le 5 canzoni d’amore più oscure di sempre

Tutti abbiamo un cuore e anche persone come Marilyn Manson e Alice Cooper ce l’hanno dimostrato, nonostante siano persone un po’ “particolari”. Ecco le 5 canzoni d’amore più oscure di sempre.

I Love The Dead – Alice Cooper

I Love the Dead (Amo i morti) è la decima e ultima canzone del sesto album di Alice Cooper, Billion Dollar Babies pubblicato nel 1973.
Cooper in questa canzone parla dell’amore verso i corpi bluastri senza vita che vorrebbe abbracciare e stringere a se.

Valentine’s Day – Marilyn Manson

Valentine’s Day è la traccia numero sedici dell’album Holy Wood (in the Shadow of the Valley Death) di Marilyn Manson, pubblicato nel novembre del 2000.
Il cantante fa molti riferimenti al giorno di San Valentino, sia nella musica che nelle opere d’arte, ma ci sono molti avvenimenti meno significativi, ad esempio, il 14 febbraio 1991 Manson e Missi (ai tempi, la sua fidanzata) furono quasi arrestati in un club per trascorrere San Valentino in prigione. Missi indossò una maschera, si mise in topless e andò a picchiare Manson. Tuttavia, non furono arrestati quel giorno.

N.I.B. – Black Sabbath

N.I.B è una canzone heavy metal tra le più conosciute della band e fa parte del loro primo album pubblicato nel 1970.
Con questa canzone, i Black Sabbath furono accusati di satanismo, soprattutto per il verso: “Look into my eyes / You will see who I am / My name is Lucifer / Please take my hand“.
Si pensava che il titolo della canzone significasse Nativity In Black, in realtà era il nomignolo del batterista, perché pensavano che il suo pizzetto fosse affilato come un pennino (nib in inglese)

Die, Die My Darling – Misfits

Die, die my Darling dei Misftits è stata pubblicata nel 1984. La cover più famosa è stata eseguita dai Metallica nel giugno del 1999.
Il brano racconta di una ragazza morente sul pavimento che inizia a piangere, perché sa che probabilmente finirà all’inferno.

Used To Love Her – Guns n’ Roses

Used to Love Her è stata pubblicata nel 1988 dai Guns ‘n Roses e fa parte dell’album GN’ R Lies.
Contrariamente da quanto si pensava, la canzone non parla di una fidanzata di Axl Rose, ma è stata scritta come uno scherzo. Il gruppo ha riscritto una canzone ascoltata alla radio, ma cambiando il finale.
Slach ha dichiarato: “La gente pensa che riguardi una delle nostre vecchie fidanzate, in realtà riguarda il cane di Axl“.

Share

Asia Falconi, classe 2000, amante del rock 'n roll e di ogni sua sfumatura. Appassionata di film horror, libri, Pink Floyd ed ACDC. A volte mi fingo fotografa. (falconiasia@gmail.com)