gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le 5 canzoni Progressive Rock più romantiche di sempre

La storia della musica ha sempre raccolto, tra le sue pagine, alcune delle odi all’amore più belle mai scritte. Sebbene il Rock si sia consacrato all’eternità come il genere trasgressivo e ribelle per antonomasia, questo non ha mai frenato i suoi capostipiti dall’esternare le parti più recondite della propria emotività. Del resto, la maggior parte degli artisti che hanno scolpito il proprio nome nella leggenda hanno, spesso, dato prova di essere degli inguaribili romantici.

Anche nelle sue accezioni più impegnate ed eclettiche, il Rock ha raccolto sotto la propria ala alcune canzoni d’amore a dir poco leggendarie. Il Progressive Rock è un genere istrionico come pochi altri che ha visto alcuni degli artisti più visionari nella storia della musica contemporanea, dedicarsi al genere. Di solito, le leggende del Rock Progressivo hanno scelto di trattare tematiche impegnate nei testi dei loro brani, caratterizzati, per l’appunto da un lirismo elevatissimo oltre che da tappeti melodici costruiti con una meticolosità a dir poco unica.

Ciò nonostante, il Progressive Rock non si è esentato dal tessere le lodi del sentimento per eccellenza, raccogliendo alcune delle canzoni più romantiche mai scritte. In quest’articolo, abbiamo deciso di raccogliere alcune delle canzoni d’amore più romantiche mai scritte nella storia del Progressive Rock.

5) Porcupine Tree – The Moon Touches Your Shoulder

Tratta da The Sky Moves You Sideways del 1995, The Moon Touches Your Shoulder è un brano a dir poco meraviglioso, ad opera di una band di punta del panorama Progressive Rock moderno. La traccia è, probabilmente, una delle più evocative nella loro intera discografia. La band narra di un’avventura meravigliosa e giovanile, alla quale non si vorrebbe mai dire addio. Il testo, breve ma intenso, presenta un carico emozionale strepitoso, capace di travolgere chiunque sin dal primo ascolto.

4) Gentle Giant – Think Of Me With Kindness

Tratta da Octopus del 1972, Think Of Me With Kindness è una pietra miliare della discografia dei Gentle Giants. Il brano parla, probabilmente, di una relazione arrivata al suo culmine e delle riflessioni di una delle parti. Sebbene la traccia possa assumere accezioni differenti, Think Of Me With Kindness è, sicuramente, una delle canzoni Progressive Rock più romantiche di sempre e struggente come poche.

3) Robert Wyatt – Sea Song

Tratta da Rock Bottom del 1974, Sea Song è un brano ricco di metafore che, attraverso di esse, fa trasparire le riflessioni più amare di Robert Wyatt sulla fragilità dell’esistenza. In questo senso, Sea Song non è un brano romantico poiché dedicato all’amore, ma va sicuramente citato per la carica emotiva di cui si compone. Sea Song rappresenta la quintessenza della solitudine di un uomo disperso in una vastità abissale ed inquietante come quella del mare, in cui il protagonista trova, però, la forza di tornare a vivere, affidandosi alla pura speranza.

 2) The Moody Blues – Lovely To See You

Lovely To See You è un brano del 1969, composto dalla Progressive Rock Band dei Moody Blues. Il brano è stato scritto dal chitarrista Justin Hayward ed è stato rilasciato sul disco On The Threshold Of A Dream. La traccia è diventata, immediatamente, una delle più evocative nell’intera discografia del gruppo, portando la band a nominare uno dei loro album dal vivo proprio come la canzone. Lovely To See You è un’ode all’amore platonico tipico di un’amicizia straordinaria.

 1) Ayreon – Day Eleven: Love

Day Eleven: Love è un singolo del gruppo olandese degli Ayreon. Il brano è stato pubblicato il 19 aprile del 2004 come primo estratto del loro sesto album in studio, The Human Equation. Day Eleven: Love, parla dell’undicesimo giorno di coma del protagonista del brano. L’album, infatti, è un concept in cui vengono raccontati i 20 giorni di coma di un uomo. In Day Eleven: Love, si narra del suo undicesimo giorno e del suo primo incontro con la donna amata. Il protagonista è capace di ricordarne i particolari grazie alle proprie emozioni.

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)