gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le 5 migliori canzoni blues d’amore

Il blues è senz’altro uno dei generi musicali in grado di emozionare il pubblico grazie ad un’atmosfera unica e a testi penetranti. Per questo motivo, sono davvero numerose le canzoni d’amore blues rimaste nella storia. Ecco quelle che secondo noi sono le 5 migliori canzoni blues d’amore, alcune delle quali diventate autentiche pietre miliari nel loro rispettivo settore. Sono brani d’atmosfera che puoi dedicare alla tua amata, o usare come sottofondo in cene romantiche a lume di candela. C’è solo l’imbarazzo della scelta tra pezzi iconici e al tempo stesso rilassanti.

1. B.B. King – The Thrill Is Gone

Iniziamo da un autentico classico del blues in senso assoluto. The Thrill Is Gone, in realtà, è nato nel 1951 per opera di Roy Hawkins e Rick Darnell, ma il vero successo è stato raggiunto 18 anni dopo per opera di B. B. King. Il brano tratta di una sorta di liberazione da una storia d’amore troppo opprimente. Fin dal titolo, si parla di un brivido che se n’è andato, anche se non mancano attimi di sofferenza per una donna che ha deciso di andare via.

2. Freddie King – Have You Ever Loved A Woman

Nel 1960, Freddie King lancia un successo assoluto nell’ambito dell’amore blues. Have You Ever Loved A Woman è un brano abbastanza lento e penetrante. King fu accompagnato dal pianista Sonny Thompson, dal bassista Bill Willis e dal batterista Phillip Paul, in un complesso di alto livello. Il testo vede il protagonista disperato per una donna che lo ha lasciato per il suo migliore amico, mentre lancia un monito verso gli altri uomini.

3. John Lee Hooker – Boom Boom

In questa circostanza, l’amore viene concepito nel suo stato primordiale. Il bluesman americano John Lee Hooker lanciò questo pezzo nel 1962, attualmente considerato come uno dei più celebri della storia del genere. Il testo è piuttosto diretto e ficcante, con il protagonista che incita la sua ragazza a lasciarsi andare e proclama di volerla portare a casa sua per momenti tutti da ricordare.

4. Bobby “Blue” Bland – I’ll Take Care Of You

Nel 1961, Bobby Bland conosciuto da tutti come Blue realizzò un brano estremamente dolce e dall’elevata sensibilità. Sembra quasi che il cantante voglia prendere una ragazza sotto la propria ala protettiva e prendersi cura di lei, come recita anche il titolo del pezzo. Vuole asciugare le sue lacrime, farle dimenticare un amore precedente finito male, invitarla a ripartire da zero insieme a lui.

5. Etta James – I’d Rather Go Blind

Concludiamo con questa canzone del 1968 proposta in primo luogo da Etta James. Quest’ultima si rende conto di essere ormai ad un passo dalla fine dalla sua storia d’amore, dato che il suo uomo si sta frequentando con un’altra. Piuttosto che vederlo andare via, la protagonista preferirebbe essere cieca, seguendo il classico proverbio “occhio non vede, cuore non duole”.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)