gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le canzoni di Lucio Battisti che citiamo continuamente

Oggi, il 9 Settembre ma del 1998 moriva Lucio Battisti. Con lui se ne andò uno degli artisti più innovativi del panorama italiano, amato anche fuori dal nostro paese. Pensiamo ad esempio alla profonda stima che David Bowie nutriva per lui, tanto da reinterpretare i testi di Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi per la cover di Ronson. Anche tantissimi artisti non sarebbero esistiti senza la sua influenza. Una cosa è certa: Battisti ci manca e continua a mancarci. Ad aumentare la nostalgia dei fan, anche la grande riservatezza della famiglia. Non si conoscono ufficialmente nemmeno le cause della sua morte ed è solo dal 2019 che possiamo ascoltare su Spotify alcune delle sue canzoni. Dopo anni ancora Lucio Battisti ci emoziona e la sua grande influenza sulla cultura di tutti noi è testimoniata anche dal fatto che spesso, anche senza saperlo, non facciamo che citare le sue canzoni quando parliamo.

Con il nastro rosa

Questa è l’ultima canzone che Lucio Battisti compose insieme a Mogol. Il ventunesimo singolo di Battisti uscì a Febbraio del 1980 e comprendeva questa è Una giornata uggiosa, canzone fortemente autobiografica (colma infatti di riferimenti alla vita di Battisti). Per quanto concerne Con il nastro rosa, la frase emblematica lo scopriremo solo vivendo del ritornello è usata ad oggi per indicare una situazione ancora in via di risoluzione. Nel linguaggio comune, anche i non fan di Battisti usano questa frase, cosa che è emblema sicuramente della sua importanza e influenza.

Una donna per amico

Brano che dà il titolo al tredicesimo album del cantautore, ha diversi tratti originali. La storia che racconta non è d’amore, ma è una amicizia tra uomo e donna. Battisti l’ha infatti dedicata ad un’amica di nome Adriana. L’espressione “Una donna per amico” viene spesso utilizzata per indicare un rapporto platonico con una donna o in espressioni con altri soggetti (come un collega per amico, ecc.).

Io vorrei… Non vorrei… Ma se vuoi

Come può uno scoglio arginare il mare? Non conosciamo la risposta a questa domanda, ma conosciamo sicuramente la domanda. Questa frase da questa canzone è famosissima e viene usata spesso per indicare un dubbio, una crisi, una situazione complicata o irrisolvibile. La poesia del testo è tale da aver assunto una tale importanza.

Dieci ragazze

Tutte le altre citazioni si sono trasmesse conservando la loro idea e profondità originale. Forse questa è l’unica che si riporta in maniera più superficiale. Come sappiamo, Dieci ragazze mostra inizialmente un uomo intento ad avere relazioni con tante donne, ma di fatto pensa sempre ad una sola. Invece, quando si cita questa canzone lo si fa soprattutto per riferirsi a playboy, eliminando quindi la componente sincera amorosa.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.