gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le rockstar più antipatiche di sempre

Avere un grandissimo talento ed imporsi come rockstar di grandissimo livello non vuol dire, allo stesso tempo,  avere anche una grande simpatia. Molte rockstar sono diventate celebri anche grazie al loro carattere, alla loro personalità e ai loro eccessi. Tuttavia, diverse personalità artistiche che si sono distinte nel mondo del rock non hanno goduto dell’attenzione migliore possibile che si basasse sulla simpatia, a causa di atti, dichiarazioni e parole che le hanno rese piuttosto antipatiche nel mondo della musica. Vogliamo allora parlarvi delle rockstar più antipatiche di sempre, che non sono certamente divenute celebri a causa della loro comunicazione e nella loro serenità.

Bob Dylan

La prima tra le Rockstar più antipatiche di sempre che merita di essere presa in considerazione è sicuramente Bob Dylan, che da sempre ha dato un’immagine di sé piuttosto schiva e scontrosa, come gli atti recenti hanno dimostrato, a causa di quella grande polemica che è nata a seguito della volontà di non ritirare il Nobel da parte dello stesso statunitense.

Tuttavia, la nostra scelta deriva anche da una decisione che venne presa nel 16 novembre del 1999, e che vide la rivista inglese Melody Maker votare la rockstar più antipatica della storia del rock, proprio nell’identificazione della figura di Bob Dylan. La votazione avviene a seguito di un sondaggio che coinvolse diversi appassionati, e che mise in campo diversi nomi certamente antipatici e molto scontrosi nel mondo del rock, che avevano dimostrato la loro antipatica nel corso degli anni. Le votazioni sono state chiare e, senza dubbio, Bob Dylan ha ottenuto una vittoria schiacciante.

I fratelli Gallagher

Per quanto ci si possa divertire nel leggere le continue dichiarazioni che i fratelli Gallagher rilasciano su Twitter o all’interno delle loro interviste, alla lunga l’antipatia regna sovrana e, quelli che un tempo potevano essere considerati come i due fratelli che avevano dato vita ad un progetto artistico di grandissimo livello, adesso sembrano essere semplicemente un continuo attacco a distanza personificato in due figure incredibilmente antipatiche.

Difficile fare una differenza tra Liam e Noel Gallagher in termini di antipatia, dal momento che entrambi spiccano per il loro atteggiamento scontroso e per le loro continue dichiarazioni che sembrano essere decontestualizzate e finalizzate semplicemente ad un’attenzione mediatica che, a distanza di anni, sognerebbe semplicemente un ritorno di fiamma degli Oasis e non più sterili polemiche che non portano a nulla di positivo dal punto di vista artistico e musicale.

Courtney Love

Più che di antipatia, nel caso specifico di Courtney Love si può parlare di vero e proprio odio. L’ex moglie di Kurt Cobain a, con cui ci sono stati diversi problemi dal punto di vista personale negli ultimi anni di vita del cantante statunitense, è stata da sempre ritenuta come la responsabile della morte del leader dei Nirvana, e secondo molte voci addirittura sarebbe la mandante dell’omicidio dello stesso. Al di là di queste teorie, non si può negare quanto grande sia l’antipatia nei confronti della donna, sia per il suo atteggiamento artistico, sia per l’influenza ritenuta come negativa che ha avuto nei confronti di Kurt Cobain negli anni.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.