Led Zeppelin, Jimmy Page spiega come è stata scritta Stairway to Heaven

I Led Zeppelin hanno fatto la storia della musica internazionale, annoverandosi come uno dei gruppi più iconici e influenti nel rock. Tra i tanti brani capolavoro scritti da Jimmy Page, Robert Plant e soci forse il più noto è Stairway to Heaven. Un pezzo che ha conosciuto milioni di versioni e arrangiamenti, riproposizioni e cover. Un pezzo che si è sicuramente conquistato l’immortalità musicale. Ma se tutti lo hanno sentito almeno una volta, forse non tutti sono a conoscenza della sua storia. In questo articolo – attraverso le parole di Jimmy Page – scopriamo come è stata scritta Stairway to Heaven.

STAIRWAY TO HEAVEN, TUTTI I NUMERI DEL SUCCESSO DEI LED ZEPPELIN

Ma prima di scoprire il processo creativo e compositivo dietro Stairway to Heaven, qualche dato tecnico sul capolavoro dei Led Zeppelin. Il brano è il quarto estratto dell’album Led Zeppelin IV, pubblicato nel 1971. Considerata – ad oggi – come uno dei pezzi più belli nella storia della musica, occupa la trentunesima posizione nella classifica delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stones. Nella rivista Guitar World – l’assolo alla fine del pezzo è considerato come il migliore mai eseguito nella storia della musica.

Nonostante Stairway to Heaven sia una delle canzoni più richieste e suonate nel mondo, non è stata mai pubblicata come singolo. Scritta dal cantante Robert Plant – la traccia fu oggetto di un processo per plagio, intentato dagli eredi di Randy California, ex chitarrista degli Spirit. L’accusa decadde nel 2016 e i Led Zeppelin furono prosciolti. Tuttavia – nel 2018 – la corte d’appello ha riscontrato dei vizi di forma nel processo, che dunque sarà da ripetere.

JIMMY PAGE, I RICORDI LEGATI A STAIRWAY TO HEAVEN

“Voglio provare a rimettere le cose insieme” inizia a dire Jimmy Page, dopo aver ascoltato qualche nota dell’arpeggio iniziale di Stairway to Heaven. Il chitarrista dei Led Zeppelin – in un’intervista video per la BBC News – inizia a raccontare l’idea dietro la composizione del brano capolavoro della band.

“L’idea per Stairway era quella di avere un pezzo che continuasse a dispiegarsi in più livelli e in più mood – svela Page – […] in modo che l’intensità del brano accelerasse in ogni livello […] che continuasse ad aprirsi, andando avanti con i passaggi”.

IL PROCESSO PER LA COMPOSIZIONE DI STAIRWAY TO HEAVEN

“Robert [Plant] è stato magnifico con l’imput per il testo – ha continuato a raccontare Jimmy Page[…] me lo ricordo appoggiato ad un muro, mentre continuava a scrivere. Non mi dimenticherò mai quell’immagine”. Il chitarrista dei Led Zeppelin paragona il processo compositivo di Stairway to Heaven alla stesura di una mappa, in cui ogni cosa era legata dall’inizio alla fine.

“Una cosa che ho imparato su John Bonham era quanto fosse d’effetto se entrava su un verso” ha detto il chitarrista riguardo il compianto batterista – morto prematuramente nel 1980. Mentre il brano doveva continuare ad accelerare ed ad aprirsi, l’assolo era previsto dopo uno stacco chiaro. “C’è una transizione netta – svela Page – […] e alla fine c’è questo fremito che porta ad un grande finale, che è la parte vocale”. Alla fine dell’intervista, Jimmy Page conclude dicendo che quello – l’epoca della composizione di Stairway to Heaven – fu un periodo di grande ispirazione per i Led Zeppelin.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.