gtag('config', 'UA-102787715-1');

Led Zeppelin, l’ossessione di Jimmy Page per l’occultismo e i messaggi subliminali

Andiamo a indagare l’ossessione di Jimmy Page per l’occultismo e i messaggi subliminali. Il chitarrista dei Led Zeppelin per il mondo dell’occultismo iniziò quando il nostro aveva circa quindici anni dopo aver letto un libro di Aleister Crowley. Crowley, citato anche in una canzone di Ozzy Osbourne intitolata, tra l’altro, Mr Crowley, era un maestro dell’occultismo e di questo mondo così particolare. Jimmy Page ha ammesso che la nascita dei quattro simboli presenti sulla copertina dell’album Led Zeppelin IV venne proprio da Aleister Crowley. Quei simboli così particolari venivano da un grande nome dell’occultismo, in particolare a Gerolamo Cardano, un alchimista italiano quasi leggendario del Cinquecento. Ma c’era anche molto molto altro.

I Led Zeppelin e il mondo dell’occulto

I Led Zeppelin erano da sempre vicini al mondo della stranezza e dei messaggi subliminali. Nel disco Led Zeppelin IV, all’interno dell’artwork, c’è un dipinto realizzato dall’artista Barrington Colby e ispirato dalle carte dei tarocchi. In particolare il riferimento viene da una carta da gioco particolare, ovvero l’eremita. Negli anni molti hanno ipotizzato che questo disegno non sia stato realizzato da Colby ma da Jimmy Page stesso. Non è un caso  che negli anni Settanta Jimmy Page avesse una libreria e una casa editrice. Non era una libreria normale dal momento che si dedicava completamente ai libri sull’occultismo. Particolare, va detto.

La libreria sull’occultismo di Londra

The Equinox Booksellers and Publishers era il nome della libreria di Jimmy Page che pubblico anche un libro di Aleister Crowley, The Goetia. Oggi Jimmy Page non ha più quella libreria a causa di alcuni cambiamenti amministrativi ed economici importante e non ebbe particolare successo di pubblico. Jimmy Page però non fermò lì il suo interesse per il mondo dell’occultismo e per Aleister Crowley. Per lui Crowley era un vero e proprio genio, un guru letterario che riusciva a portare la persona al centro dal punto di vista letterario e mentale e cercare di far sentire al meglio l’essere umano. Per Jimmy Page, Aleister Crowley era tanto grande quanto Charles Dickens, uno dei grandi maestri della letteratura inglese.

La colonna sonora per il film ispirato alle opere di Aleister Crowley

Tra l’altro Jimmy Page si propose per scrivere la colonna sonora del film Lucifer Rising, ispirato molto velatamente alle opere di Aleister Crowley. Jimmy Page ci mise circa 3 anni per fare quella colonna sonora ma il regista del film non fu molto felice. Il regista Kenneth Anger, grande fan e appassionato dell’occultismo e di Crowley, disse che Jimmy Page era solo un fan dozzinale dell’occultismo e che era troppo dedito alle droghe. Potete comunque trovare online la colonna sonora di questo particolare film.

Jimmy Page e la magia nera

Jimmy Page ammise di aver iniziato a praticare della magia nera, prendendo anche tutte le precauzioni del genere. Il chitarrista non ne parlò mai con grande profondità per timore del giudizio esterno, neanche ai giornalisti più sereni e aperti mentalmente. Vi abbiamo dell’ossessione di Jimmy Page per l’occultismo ma ora il nostro non ha più questa passione. Almeno così sembra…

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.