Liam Gallagher contro i Radiohead: serie di prese in giro su Twitter

Liam Gallagher contro i Radiohead: serie di prese in giro su Twitter

Liam Gallagher e le numerose guerre mediatiche

Che Liam Gallagher abbia un caratterino non certamente tra i più calmi al mondo non è un mistero. Ce ne siamo resi conto con gli anni e con le numerose guerre mediatiche che il minore dei fratelli Gallagher ha fatto partire. Il motto sembra essere sempre lo stesso: “Nessuno escluso, uno contro tutti”.

E così, nel tempo, non è stato soltanto suo fratello Noel ad essere bersaglio delle polemiche. Il litigio tra i due fratelli e leader degli Oasis è soltanto un piccolo tassello di un immenso puzzle di litigi, offese, prese in giro e molto altro. In questo puzzle stesso ci è entrato a far parte chiunque: Coldplay, Bono, Brian May, Morrissey e tanti altri ancora che non rientrano nel campo musicale. Adesso al novero si aggiungono anche Thom Yorke e i Radiohead. 

I dissapori con i Radiohead c’erano già da qualche anno

Nonostante l’accaduto sia soltanto di qualche ora fa, i dissapori con i Radiohead c’erano già da qualche anno. Si può dire che il tutto sia iniziato nel 2011, a seguito della pubblicazione di The Kings of Limbs, l’ottavo album in studio dell’alternative rock band inglese.

Il prodotto discografico fu lodato da molti – tanto da ottenere anche una candidatura ai Grammy Awards per il miglior album di musica alternative -, ma non da Liam Gallagher. Il fratellino minore degli Oasis sentenziò dicendo: «Ho ascoltato il fot***o nuovo album dei Radiohead e ho detto “Cosa?! Hanno scritto un pezzo su un fot***o albero? Andatevi a farvi fot***e!”». Gli asterischi, purtroppo, sono d’obbligo per le affermazioni troppo colorite – insomma, in stile Gallagher – di Liam. Non ci fu nessuna risposta da parte dei Radiohead, che non replicarono all’inglese.

Liam Gallagher prende in giro i Radiohead su Twitter

Nelle ultime ore il nuovo capitolo della faccenda, che ha visto Liam Gallagher ancora contro i Radiohead. Questa volta niente nello specifico, ma l’atteggiamento non è cambiato. Innanzitutto il britannico si è chiesto come sia possibile che una band come quella di Thom Yorke abbia ottenuto il successo nella sua carriera, poi ha iniziato volutamente a storpiare nomi delle canzoni più famose della band, continuando con il suo intento goliardico.

E così si è passati da “What album is this fuvking karma police on” a “Planet tickle”, passando per “Some tunecall creepy fuvker”. Insomma, solito Gallagher, solita provocazione. Chissà se in questo caso ci sarà una risposta…

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.