gtag('config', 'UA-102787715-1');

Liam Gallagher ha pubblicato a sorpresa un nuovo album!

Rkid ha deciso di stupire tutti i fan degli Oasis e della sua carriera solista e di farla grossa.  Liam Gallagher ha pubblicato a sorpresa un nuovo album. Si tratta di un disco interamente acustico, intitolato per l’appunto Acoustic Sessions con 8 brani che racchiudono l’animo più gentile e profondo dell’ex voce degli Oasis. I pezzi presenti vanno da alcuni classici e perle nascoste della carriera della band britpop e sono stati registrati agli studi inglesi RAK. Due esempi sono Stand By Me, tratto dall’album del 1997 Be Here Now e il gioiello Sad Song, cantata originalmente dal fratello Noel. Per il momento il disco è presente solamente nei circuiti digitali, come su Spotify, e non sono ancora state annunciate pubblicazioni in disco o in vinile. Staremo a vedere.

IL CAMBIAMENTO VOCALE DI LIAM

In molti avevano notato che la voce di Liam, con il passare degli anni, si era fatta più scura ed era ovviamente cambiata, come succede a tutti i cantanti. Dall’inizio della sua carriera solista però il suo timbro e la sua tonalità, sempre caldi e graffianti, avevano trovato una quadra. Ecco che il modo migliore per concretizzare ciò, oltre ai suoi due album solisti As You Were e Why Me? Why Not. era quello di fare un disco totalmente in acustico. In molti, noi compresi, hanno notato un livello sorprendentemente alto nelle esibizioni in acustico di Liam. Queste ultime, logicamente, risultano più pulite e tecnicamente migliori rispetto ai grandi concerti.

IL CONTENUTO DEL DISCO

Ma cosa contiene questo disco? Come suddetto le canzoni sono 8. Il disco inizia con Cast No Shadow degli Oasis (dedicata in origine al cantautore dei Verve Richard Ashcroft), contenuto in (What’s The Story) Morning Glory del 1995. Segue Now That I Found You, tratto dall’ultimo lavoro di Liam e dedicato alla figlia Molly. Ascoltiamo poi la splendida lennoniana Alright Now, anch’essa tratta da Why Me? Why Not. e il livello cresce. Il disco poi esplode con Sad Song, uno dei pezzi nascosti più belli degli Oasis e cantato in maniera splendida da Liam. Così come Stand By Me, canzone di recente re-inserita nella tracklist dei concerti del Nostro. Il disco poi presenta due versioni di Once (forse la miglior canzone del Liam solista), una demo e l’altra in acustico. Stavamo dimenticando l’altro pezzo tratto dall’ultimo lavoro di Liam, ovvero Meadow, altro bellissimo brano.

BREVE RECENSIONE DI “ACOUSTIC SESSIONS”

Ovviamente non potevamo esimerci dal dare una breve recensione di questo disco. Innanzitutto la cosa migliore da dire è: “Liam Gallagher ha pubblicato a sorpresa un nuovo album” ed è sempre una bella notizia (anche con gli album dei defunti Beady Eye). Il disco è bello, ha dei buonissimi arrangiamenti e in molti brani le backing vocals (le secondi voci) funzionano benissimo. È chiaro e lampante che Liam in queste vesti tira fuori una vocalità splendida e molto pulita rispetto ai live più grandi e “casinisti“. Una nota di merito in più va data per aver inserito la sua versione di Sad Song, una canzone che molti non conoscono ma che è di fatto una delle b-sides più riuscite degli Oasis. È comunque difficile dare un voto ma è un album che si fa ascoltare con molto piacere e riesce a rilassare e comunicare moltissimo.

IL NUOVO VIDEOCLIP DI ONCE

Le sorprese però non finiscono qui. A questo link potrete vedere il videoclip ufficiale di Once di Liam Gallagher, presente su YouTube. Il titolo è già rivelatore, ma c’è una Guest star molto speciale nel video. Si tratta di Eric Cantona, lo storico calciatore francese ed ex stella del Manchester United. Considerando che Liam è tifosissimo del Manchester City è un miracolo che non si siano picchiati. Scherzi a parte, vi invitiamo a vederlo, soprattutto perché si vedrà Liam nell’insolita veste di maggiordomo e autista di Cantona. Quest’ultimo impersona invece un re un po’ particolare che canta Once. Prestate attenzione ai primi attimi del video e cosa dice Eric Cantona. Sicuramente vi strapperà un sorriso.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.