gtag('config', 'UA-102787715-1');

Liam Gallagher: la storia dell’album che ha cambiato la vita del cantante

Nella storia di un artista o di un cantante sono diverse le componenti che concorrono alla creazione di quelle che sono le qualità, gli atteggiamenti e le modalità di espressione di un certo tipo di pensiero, di arte e di musica. Al di là di quella che è la predisposizione naturale di un determinato artistico, al di là del suo talento, sono tante altre le caratteristiche che meritano di essere prese in considerazione in merito ad un discorso di creazione di prodotti artistici e musicali. La vita e la carriera di Liam Gallagher sono state particolarmente plagiate dall’ascolto di un prodotto musicale, che è stato in grado di cambiare la sua vita e di determinare una carriera all’insegna del grande successo, con gli Oasis e non solo. Vogliamo parlarvi della storia dell’album che ha cambiato la vita di Liam Gallagher.

La storia dell’album di debutto di The Stone Roses

Prima di prendere in considerazione quello che è stato l’incredibile impatto del primo album in studio degli Stone Roses per Liam Gallagher, vale la pena innanzitutto contestualizzare questo prodotto discografico stesso, parlando di quella che è la storia di un disco che indubbiamente ha il suo peso specifico notevole nella storia della musica e dell’arte in generale. Pubblicato il 2 maggio 1989 e registrato ai Battery Studios di Londra grazie al produttore John Leckie, il debutto discografico degli Stone Roses può considerarsi come una delle pietre miliari del genere Madchester, nonché antesignano del britpop che nel decennio successivo diventerà preponderante, proprio grazie a band come quella degli Oasis.

Di seguito, è riportata la tracklist dell’album di debutto di The Stone Roses:

  1. I Wanna Be Adored – 4:52
  2. She Bangs The Drums – 3:42
  3. Waterfall – 4:37
  4. Don’t Stop – 5:17
  5. Bye Bye Badman – 4:00
  6. Elizabeth My Dear – 0:59
  7. (Song for My) Sugar Spun Sister – 3:25
  8. Made of Stone – 4:10
  9. Shoot You Down – 4:10
  10. This Is the One – 4:58
  11. I Am the Resurrection – 8:12

Le dichiarazioni di Liam Gallagher sull’importanza del primo album in studio di The Stone Roses

Avendo considerato la grande importanza che il primo album in studio di The Stone Roses ha avuto nella storia della musica, possiamo adesso prendere in considerazione quelle che sono le dichiarazioni rilasciate da Liam Gallagher, in merito alla grande importanza che questo stesso album ha avuto nella sua vita e nella sua carriera.

Liam Gallagher ha parlato, più nello specifico, nei termini che seguono: “I miei fratelli maggiori mi hanno preceduto con The Jam, ma sono stato io a scoprire The Stone Roses. L’inferno sa cosa sarebbe stato di me senza questo disco. Non è solo la colonna sonora della mia giovinezza, è la mia giovinezza: belle canzoni pop baciate dal sole con le chitarre. The Stone Roses è uscito in primavera, ma ricordo ancora il tempo insolitamente bello che c’era in Inghilterra in quel periodo. Quest’album si adattava bene perché non poteva esserci un album estivo migliore. Naturalmente, l’album è stato anche promosso in modo intelligente. Anche quando nessuno l’aveva ancora ascoltato, tutti parlavano degli Stone Roses e del loro batterista, che doveva essere superbo e sembrava un alieno”.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.