gtag('config', 'UA-102787715-1');

Liam Gallagher rivela la sua canzone dei Beatles preferita: “Forse non ve lo aspettate ma è…”

Liam Gallagher rivela la canzone dei Beatles preferita dopo aver condiviso l’incredibile citazione di John Lennon. L’ex voce degli Oasis ha fatto conoscere ai fan il suo amore per i Beatles su Twitter da ormai moltissimo tempo, quindi ha svelato la sua canzone preferita dei Fab Four. Liam Gallagher è un fan da sempre, fin da quando era giovane, dei Beatles e un seguace molto attento di John Lennon. Conosciuto per la sua ammirazione per l’iconico quattro pezzi del Liverpool, Liam ha risposto a uno che gli chiedeva quale fosse la sua canzone dei Beatles preferita di tutti i tempi. Liam ha detto che era impossibile sceglierne solo uno tra i vari pezzi preferiti. Quale è la sua canzone dei Beatles preferita?

La sua canzone dei Beatles preferita

Forse non ve lo aspettate“, ha risposto Liam. “Ma è It Won’t Be Long. Il pezzo è apparso come traccia di apertura del secondo album dei Beatles With the Beatles. Rilasciato nel novembre del 1963 nel Regno Unito, è stato scritto principalmente da Lennon, il futuro autore di quella meraviglia di Imagine, e Paul McCartney. Si tratta di un classico esempio dei primi suoni dei Beatles con un gioco di parole “long” e “belong” nel ritornello e la risposta sonora “yeah-yeah-yeah“. Fu Lennon a comporre e poi a cantare questo pezzo. Si tratta di un lavoro particolare in cui Lennon parla di solitudine, di infelicità, di insuccesso e del rifiuto nei suoi rapporti sentimentali. Questi temi saranno quelli chiave di quasi tutta la discografia di John Lennon, anche come solista.

La vicinanza da Liam Gallagher e John Lennon

Sembra che l’idea di John Lennon di questo pezzo venne da quando John aveva 4 anni, con l’abbandono della padre da lui e dalla moglie (e madre di John). In fondo questa situazione trova molte affinità con la vicenda personale di Liam Gallagher e del fratello Noel (e del fratello di mezzo Paul). Anche gli Oasis, quando erano giovani, hanno vissuto una situazione familiare difficile dal momento che il loro padre era violento e alcolizzato. Per questo motivo l’amata madre dei Gallagher, Peggy, decise di scappare con i bambini e il padre tornò solamente quando gli Oasis erano già famosi.

L’amore per i dettagli

La frase iniziale del brano è un gioco di parole tipico proprio di John Lennon: “it won’t be long till I belong to you” (non ci vorrà molto prima che io ti appartenga). Probabilmente è questo il motivo per cui è tanto amato da Liam, dal momento che il giovane Gallagher ama da sempre questi particolari giochi di parole di Lennon. Tra le altre cose, dovete sapere che il pezzo in questione non è mai stato suonato in live ma gli ascoltatori hanno potuto ricordare il coro “yeah, yeah, yeah”. Non è un caso che il “yeah, yeah, yeah” sia stato molto usato dagli Oasis durante i loro live e pezzi.

Le cadenze eoliane

Nella sua ultima intervista prima di morire, Lennon aveva detto a Playboy che It Won’t Be Long aveva ampliato il fascino della band, estendendo la loro base di fan oltre il gruppo giovanile. Lennon aveva anche detto: “È stato solo dopo che un critico del Times ha detto che abbiamo inserito delle “cadenze eoliane” in It Won’t Be Long e le classi medie hanno iniziato ad ascoltarci. Ad oggi, non ho idea di cosa siano le “cadenze eoliane“.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.