gtag('config', 'UA-102787715-1');

Linkin Park, ascolta la fantastica cover di Numb di…

I Linkin Park sono tornati sotto i riflettori per una serie di cose negli ultimi tempi, in particolar modo con diversi youtuber. Uno di questi è lo con Ten Second Songs, il cui vero nome è Anthony Vincent il quale ha condiviso il suo amore e la sua passione per il gruppo. Qualora non lo doveste conoscere, vi invitiamo a guardare i video del suo canale, è davvero bravissimo con una vocalità pazzesca. Il Nostro è diventato famoso con la tipologia di video in cui esegue una canzone di un determinato gruppo, artista o cantante per poi cantare secondo il mood di vari cantanti. Se siete curiosi, potete vedere anche la versione di Bohemian Rhapsody dei Queen o di Dark Horse di Katy Perry. Anthony Vincent ha fatto una fantastica cover di Numb. 

La canzone “Numb” secondo Anthony Vincent

Questa volta, come suddetto, il Nostro ha interpretato “Numb” in 15 stili diversi, mostrando la sua splendida gamma vocale e dimostrando che Numb è una grande canzone, indipendentemente da chi l’avesse fatto. Per coloro che non hanno familiarità, Vincent spesso accetta richieste online, quindi crea una canzone popolare attorno agli stili di una varietà di atti diversi. Per questa interpretazione di “Numb“, inizia con la sua interpretazione dell’originale di Linkin Park prima di fare un passaggio significativo con il cantante soul degli anni ’60 Sam Cooke. In seguito, Vincent è andato a toccare lo stile psichedelico e iconico di David Gilmour dei Pink Floyd.

Gli stili considerati da Ten Second Songs

Vincent ha poi scelto di cantare come Chris Cornell, da sempre amico dei membri dei Linkin Park, sfoggiando una voce e un timbo molto vicino al suono distintivo di Cornell. I fan del rock sentiranno anche lo Youtuber cantare “Numb” prendendo una via più aggressiva e metal, esibendosi uguale ai Killswitch Engage. In questa fantastica cover di Numb, ha scelto di non toccare solamente il rock, anzi mettendo una parte in cui riprende il gruppo dei TesseracT. Verso la fine del pezzo Anthony ha scelto di abbracciare un mood più oscuro considerando l’approccio musicale di Trent Reznor dei Nine Inch Nails.

La bravura musicale di Anthony Vincent

Il cantante ha messo anche la sua voce come una pop star del calibro di Jacob Collier, ha offerto un po’ di stile britpop britannico degli Oasis e ha persino cantato in stile un twang country come Kenny Rogers. Terminato lo spettacolo, Vincent ha concluso il pezzo con la sua voce più profonda nel mood del compianto cantautore Leonard Cohen. Vi invitiamo, come già affermato, di vedere gli altri suoi video in cui realizza altre cover pazzesche sulla sua pagina youtube (link qui).

Il ritorno di interesse per i Linkin Park

Come sottolineato da vari tabloid, c’è stato un recente ritorno di interesse per Linkin Park. Il co-vocalist Mike Shinoda ha appena pubblicato un nuovo album, ad esempio. Inoltre il video della canzone “In the End” ha appena superato un miliardo di visualizzazioni su YouTube e c’è stata una collaborazione mondiale di 266 musicisti che hanno realizzato “In the End” che è diventata virale sul web.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.