gtag('config', 'UA-102787715-1');

Linkin Park: Mike Shinoda racconta l’incredibile storia di Crawling

I Linkin Park si formarono a Los Angeles nel 1996. Ad oggi, sono una delle band più famose ed importanti di tutti i tempi. La band, un tempo capitanata dal compianto Chester Bennington, ha messo la firma su alcune delle pietre miliari più evocative nella storia della musica contemporanea. Il gruppo consacrò la prima parte della sua carriera al Nu Metal, genere che cambiò il volto della musica più Heavy nella seconda metà degli anni ’90, attraverso le inflessioni di cui risentiva da parte di generi come l’Hip Hop. I Linkin Park sono stati i principali fautori di una rivoluzione sonica straordinaria, attraverso uno stile mutevole ed innovativo, che gli ha permesso di affermarsi sul tetto del mondo sin dal loro esordio.

Il loro album d’esordio, rappresenta uno dei debutti più gloriosi nella storia della musica contemporanea. Hybrid Theory, infatti, è stato certificato disco di diamante, avendo venduto oltre 12 milioni di copie negli Stati Uniti. Di recente, il famoso giornale Kerrang! ha dato luogo ad un’iniziativa straordinaria, particolarmente interessante per i fan più devoti della band di In The End. Nel corso della settimana, infatti, i tre membri sopravvissuti dei Linkin Park, Mike Shinoda, Brad Delson e Joe Hahn hanno raccontato la storia delle varie tracce che compongono Hybrid Theory. I tre Linkin Park hanno analizzato tre canzoni al giorno, raccontando alcuni interessanti retroscena riguardo i brani più evocativi del gruppo, tra cui Crawling.

 La storia di Crawling dei Linkin Park

Una delle ultime tracce analizzate da Mike Shinoda dei Linkin Park è stata l’iconico singolo Crawling. Shinoda si è espresso riguardo il brano attraverso un video, pubblicato sul profilo Instagram di Kerrang! Nella clip, Shinoda racconta la storia di come, il meraviglioso testo del brano, sia nato. In particolare, il tastierista, corista e chitarrista del gruppo ha detto: “Ho sempre scritto personalmente le mie parti cantate. Spesso, però, capitava che io e Chester scrivessimo insieme o che l’uno proponesse dei versi all’altro. Quando scrivevo un testo e poi lo sottoponevo a Chester, eravamo soliti rivederlo insieme. Per Crawling, però accadde l’opposto”.

Shinoda, infatti, ha spiegato che il testo di Crawling sia principalmente opera di Chester e che la storia dei versi potentissimi che hanno reso il brano una pietra miliare dei Linkin Park, sia frutto di un incredibile fraintendimento. Il leggendario cantante della band, infatti, scrisse nel ritornello “Fear Is powerful” per poi sottoporre il brano all’ascolto del loro produttore che, spiegò di aver apprezzato particolarmente la parte in cui si intonava il verso “Fear Is How I Fall”, con cui la canzone sarebbe passata alla storia, vista la potenza della frase, nata per puro caso.

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)