Maledizione dei Ramones: tutti i membri della band sono morti

La maledizione dei Ramones, terminata nel 2014

Pensare che nella musica stessa dei Ramones ci fossero tutte le chiavi identificative per potersi aspettare ciò è stato poi, sembra essere troppo semplice alla luce degli eventi. Eppure, c’era già tutto: violenza, malinconia, dramma. La maledizione dei Ramones è terminata nel 2014, con la morte di Tommy Ramone, batterista della band che si è spento all’età di 62 anni. A partire dal 1996 in poi – anno di scioglimento della band – è iniziata la maledizione: tutti i membri della band sono morti, per problemi di salute o per altro.

La prima morte di Joey Ramone

Ad inaugurare la maledizione dei Ramones è stato Joey Ramone, il cantante della band punk. Quella che è stata considerata la voce punk degli Stati Uniti ha perso la vita prima di compiere 50 anni, e prima che il suo album in studio vedesse la luce.

A colpire Joey Ramone (Jeffrey Ross Hyman) fu un linfoma. Il cantante morì mentre stava ascoltando In a Little While degli U2. Era il 15 aprile del 2001; in quello stesso anno – in occasione del giorno in cui ci sarebbe dovuto essere il suo compleanno, il 19 maggio – venne istituito il Joey Ramone Day. Dal 2001 si compie anche il Joey Ramone Birthday Bash, nel quale vengono suonati grandi classici band.

La morte di Dee Dee Ramone

La morte di Dee Dee Ramone avvenne per sua stessa mano, così come da caso molto comune nel mondo del rock. Il bassista e principale compositore della band – che si è occupato anche della realizzazione di molti testi della formazione stessa – è morto nel 2002, un anno dopo il cantante e leader Joey.Douglas Gleen Colvin, questo il suo vero nome, morì all’età di 51 anni per un’overdose di eroina. Era il 5 giugno e il bassista si trovava a Los Angeles. Dee Dee, che fu ritrovato il 6 giugno da sua moglie Barbara all’interno del suo appartamento a Hollywood, aveva sempre fatto utilizzo di droghe fin dalla giovane età. 

La scomparsa di Johnny Ramone

La terza e penultima scomparsa, in soli 4 anni, fu quella di Johnny Ramone. Per il chitarrista della band fu ancora una volta un problema salutare a porre fine alla sua vita, all’età di 54 anni.

Johnny Ramone (John Commings) rimase nella band fino al 1996 – l’unico insieme a Joey Ramone -, anno dello scioglimento della formazione. Ha lottato contro un cancro alla prostata che l’ha consumato fino al 15 settembre 2004, quando morì all’interno della sua abitazione di Los Angeles. Il chitarrista venne cremato e le ceneri dello stesso sono state conservate privatamente dalla moglie, Linda Ramone.

La morte di Tommy Ramone e la fine della maledizione dei Ramones

A porre fine alla maledizione dei Ramones, chiaramente con una morte, fu l’ultimo superstite della band: il batterista Tommy Ramone. Rispetto agli altri membri ha aspettato qualche anno in più, per poi spegnersi nel 2014. Anche in questo caso si è trattato di un problema di salute. Il batterista ungherese naturalizzato statunitense ha militato all’interno della band per quattro anni, dal 1974 al 1978.

La morte di Tamás Erdélyi è avvenuta nella sua abitazione, nel Queens (a New York). Il batterista ha lottato contro un cancro alle vie biliari. Era l’11 luglio 2014.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.