gtag('config', 'UA-102787715-1');

Le più belle canzoni d’amore di Michael Jackson

Noi tutti ricordiamo Michael Jackson per le eccezionali movenze e i passi di danza iconici e perfettamente eseguiti, per le straordinarie collaborazioni musicali e per i videoclip cinematografici. Spesso, i testi del re del pop passano in secondo piano di fronte a tutto questo. È vero che come spesso accade nel genere pop, non sempre si dà spazio ad un testo perfetto e formalmente accurato, ma si cerchi di adattarlo più che altro ad una musica orecchiabile. In realtà, moltissime canzoni contengono messaggi umanitari fondamentali (Heal the world, Earth Song, Cry, ecc.), una forte introspezione (Stranger in Moscow, Chilldhood, You are not alone) o anche una presa di posizione nei confronti dei media (Leave me alone, Privacy, Unbreakable). Nella discografia di Michael Jackson sono presenti però anche intensi testi d’amore. Noi abbiamo selezionato i migliori, per quanto sia difficile scegliere.

She’s of out of my life

La prima canzone è tratta dall’album Off the wall, il primo album da solista del Michael Jackson adulto e quello che ha dato inizio ad una nuova fase della sua vita. Non si può definire un brano d’amore in senso stretto, in quanto narra di un amore finito e non della gioia di questo sentimento. Tuttavia, la tematica della nostalgia d’amore, della perdita della persona è sicuramente vicina agli amanti di questo genere di canzoni. Ricordiamo il modo che Michael Jackson aveva di eseguirla Live: alla fine spesso portava il viso fino alla ginocchia e si accovacciava simulando il pianto. Nessuno può dimenticare questa struggente canzone.

The lady in my life

Sicuramente uno dei testi più romantici della carriera del re del pop, la canzone è tratta dal capolavoro Thriller, album più venduto della storia della musica. Si tratta dell’ultima traccia dell’album che conferisce una atmosfera onirica, mostra tutta la gioia dell’innamoramento. È un uomo follemente preso dalla propria amata a parlare, che le promette eterno amore e sicurezza. Tutto ciò che vorremmo sentire!

I just can’t stop loving you

Uno dei brani più romantici di Michael Jackson per antonomasia, viene eseguita in duetto con diverse cantanti, mentre nell’album Bad troviamo la voce di Siedah Garret. La decisione di duettare con lei fu effettivamente di ripiego, visto che inizialmente il re del pop avrebbe voluto qualcuno di più famoso, addirittura Barbra Streisand che però non era disponibile (Bad fu un album sfortunato, in quanto MJ subì un bel po’ di rifiuti, tra i quali il più famoso quello di Prince, ma come sappiamo fu ugualmente un successo). La canzone è comunque una delle più apprezzate e veniva sempre eseguita durante il Bad Tour. Si ricorda spesso per le parole che Michael sussurra prima che parta la musica.

Heaven can wait

L’album Invincible ha effettivamente diverse canzoni d’amore, ad esempio Don’t walk away e Butterflies. Questa è una delle più particolari, in quanto non si tratta semplicemente del racconto di un amore, ma il ragazzo innamorato chiede in questa dolce ballata R&B di non morire per poter rimanere sulla Terra con la donna che ama. Infatti, il Paradiso può attendere. Chi amiamo è tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

Speechless

Un’altra canzone d’amore tratta da Invincible. Speechless è forse una delle più romantiche di tutta la carriera del re del pop. Già dall’inizio, eseguito a cappella, si evince la dolcezza della voce di Michael Jackson che in generale in tutto l’album abbandonerà la sua normale “grinta” per lasciarsi andare ad uno stile di canto più leggero e delicato. Speechless descrive un amore ineffabile, che lascia quindi senza parole.

Your love is magical, that’s how I feel
But I have not the words here to explain
Gone is the grace for expressions of passion
But there are worlds and worlds of ways to explain
To tell you how I feel
But I am speechless, speechless
That’s how you make me feel. 

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.