gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, da dove nasce il famoso moonwalk?

Michael Jackson è riuscito ad acquisire una fama assoluta a livello mondiale anche grazie alle sue straordinarie capacità da ballerino. Il Re del Pop si è spesso esibito nel cosiddetto moonwalk, un passo di danza davvero sorprendente. Scopriamo insieme come è nata una mossa che in tanti hanno cercato di riprodurre e chi l’ha creata, ricordando sempre che è stato Michael il primo a mostrarla al mondo intero.

Chi ha creato il moonwalk e perché si chiama così

Diciamo subito che non è stato Michael Jackson in prima persona ad inventare il moonwalk, ma l’artista ha tratto ispirazione da qualcun altro. Infatti, pochi appassionati sanno che a creare un passo così importante è stato il mimo francese Marcel Marceau. Quest’ultimo aveva dato vita ad un movimento attraverso il quale riusciva a marciare in avanti contro il vento. L’autentica innovazione di MJ è stata quella di riuscire a muoversi all’indietro, con un perfezionamento che in qualche modo ha segnato la storia della musica e della cultura pop. La scelta di denominare la mossa moonwalk, ossia passeggiata sulla luna, consiste in quella notevole sensazione di muoversi senza alcuna forza di gravità, proprio come se ci si trovasse sul satellite naturale della Terra.

Michael Jackson e l’incontro con Marcel Marceau

In un’unica occasione, Michael Jackson ebbe l’opportunità di incontrare il suo idolo Marcel Marceau. Fu senz’altro un momento solenne e indimenticabile anche per una star incredibile. Il primo quasi incontro avvenne in Francia nel 1988, in occasione di alcuni concerti collegati al Bad Tour. In quel caso, MJ chiese di incontrare la star del cinema Marlene Dietrich e lo stesso Marceau, ma senza buoni risultati. Dopo alcuni mesi, il primo incontro si tenne a Londra, dove Marcel stava tenendo uno spettacolo e Michael era accorso appositamente per vederlo. “Eravamo insieme sul palco – spiegò Marceau – in occasione di un mio tour a Londra. Ebbi così l’occasione di incontrarlo per la prima volta e lui mi disse che gli piaceva molto la mia camminata contro il vento. MJ mi invitò nella sua casa negli Stati Uniti e parlammo per molto tempo. Mi confermò quanto le mie esibizioni lo avessero colpito”.

I momenti più iconici di Michael Jackson e del moonwalk

Michael Jackson mostrò a tutti il suo moonwalk per la prima volta nel 1983. Era uno spettacolo in occasione del 25esimo anniversario della sua etichetta discografica, Motown. MJ si mosse sulle note del suo straordinario successo Billie Jean, contenuto nell’album Thriller e fece impazzire un vasto pubblico. Nel corso degli anni successivi, Jackson avrebbe riproposto il passo in tutte le occasioni possibili fino al 2011, anche durante brani come Stranger in MoscowJam. La sua ultima proposizione risale al 10 settembre del 2001, quando l’artista celebrò i suoi primi 30 anni di carriera a New York, al celebre Madison Square Garden. Col passare degli anni, MJ perfezionò la tecnica, riuscendo anche a riprodurre un moonwalk a lungo in occasione del Dangerous World Tour.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)