gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, La storia e il significato di Earth Song

Michael Jackson ha sempre avuto a cuore l’ambiente e le problematiche sociali. Nelle sue canzoni si è spesso impegnato a diffondere messaggi umanitari sia con testi scritti da lui sia composti da altri. Ad esempio la famosissima Heal the world, ma anche Man in the mirror, The Lost children, Cry, ecc. A questo suo impegno corrispondeva sempre un’azione più concreta: Michael Jackson ha superato moltissimi record in quanto a donazioni e azioni di beneficenza. Pensiamo anche al fatto che We are the world fu composta da lui insieme a Lionel Richie. Uno dei brani in cui maggiormente si nota quanto avesse a cuore in particolare l’ambiente è sicuramente Earth Song, una canzone ormai diventata iconica. Scopriamo la storia e il significato di questo brano.

Earth Song

Michael Jackson aveva già mostrato quanto profondamente volesse sfruttare la sua musica anche per dare messaggi di un certo peso. Earth Song raggiunge al massimo questa ambizione. Il re del pop la pubblicò in HIStory: Past, Present and Future – Book I. La particolarità della canzone sua nella capacità di unire vari generi. Inizia con un pianoforte in stile ballad, per poi lentamente esplodere in blues, gospel e quasi opera. Il grido centrale che caratterizza il ritornello della canzone fa sì che anche il messaggio centrale possa essere impresso con forza e potenza. Una musica funzionale al significato ed all’atmosfera tragica che deve prendere. L’aspetto curioso di questo brano è il fatto che oltre a rispecchiare il punto di vista di Jackson su un tema così importante come lo stato del pianeta, fu anche l’ultima che il cantante cantò nella sua vita. La provò infatti il 24 giugno 2009 per i concerti che, se non fosse morto, avrebbe dovuto portare in tour.

Il significato della canzone

Earth Song vuole essere la canzone della Terra, perché ne narra i drammi e le difficoltà. L’uomo ha inevitabilmente danneggiato il pianeta, generando uno squilibrio ecologico tremendo. Il testo inizia con una serie di domande retoriche che rimandano a come era la Terra prima che gli uomini la distruggessero, fino ad arrivare ad un aspro rimprovero nei confronti del comportamento del genere umano, privo di rispetto. Il videoclip mostra tutta l’indignazione che lo stesso Michael Jackson provava. Fu girato dal video inglese Nick Brandt. Le immagini rimandano a tutti ciòche in qualche modo possa danneggiare l’ambiente: disboscamenti, maltrattamento di animali, industrie ecc. Il re del pop invece sta in un luogo devastato in fiamme, si trattiene a stento dalla distruzione. La canzone mostra la devastazione che stiamo provocando nel pianeta e risulta estremamente attuale anche alla luce del moderno dibattito sul cambiamento climatico.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.