gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, l’amico intimo svela: “Aveva delle richieste impossibili”

L’amico intimo di Michael Jackson svela: “Aveva delle richieste impossibili” e ha raccontato che Michael riceveva delle richieste molto strane da parte del Re del Pop. Ha detto che Michael non amava assolutamente quando gli si diceva di no, era spesso molto permaloso e odiava i rifiuti. L’amico ha rivelato tutto sulle tendenze bizzarre del Re del Pop e le strane richieste a tarda notte in un’intervista appena uscita per i magazine inglesi, come The Sun. Andiamo subito a vedere cosa ha detto l’amico di Jacko.

Le stranezze di Michael Jackson

Michael Jackson era notoriamente eccentrico, un’immagine che coltivava attivamente durante i periodi della sua carriera. Negli anni ’80, ha viaggiato con il suo scimpanzé domestico, Bubbles, bevendo tè con lui e il sindaco di Osaka durante il suo viaggio in Giappone. Tuttavia, in un’intervista con The Sun l’anno scorso, l’ex assistente del Re del Pop, Scott Shaffer, ha raccontato altre stranezze della star. Shaffer ha incontrato Jackson sul set del video musicale di Black and White, dove lavorava come assistente alla produzione.

La richiesta particolare di Michael Jackson

I due sono diventati amici e presto è stato assunto come assistente personale della popstar, un lavoro che ha ricoperto per sette anni. Durante quel periodo, la coppia si avvicinò e fu accolto nella più intima cerchia di amici di Jackson. Nell’intervista, Shaffer ha ricordato come l’interprete di Thriller avrebbe fatto richieste bizzarre, a volte nel cuore della notte. “Non aveva davvero idea di che ora fosse”, ha detto. “Quindi potresti ricevere facilmente chiamate alle due del mattino. Un momento divertente è stato quando eravamo in Australia e mi ha chiamato alle 3 del mattino e mi ha detto che era fidanzato con Debbie Rowe e mi ha dato istruzioni su come aprire un negozio di gioielli e ottenere un anello di fidanzamento da dargli”.

Il rifiuto

“Non gli è piaciuto quando ho detto di no”, ha aggiunto Shaffer. “Aveva delle richieste impossibili. Dirgli di no è stato difficile; non gli piaceva sentire di no. Abbiamo fatto questo patto tra noi due: “Possiamo fare qualsiasi cosa e nessuno può dirci di no”. Mi avrebbe assegnato questi incarichi e avrei dato il 300 percento per farlo, quindi se avessi detto di no sarebbe stato un grosso problema.” Ma sappiamo che le star sono spesso molto permalose. Anche così, ottenere un anello di fidanzamento nelle prime ore del mattino non era fattibile e Shaffer si ritrovò a dire a Jackson che sarebbe stato meglio se uno dei suoi segretari che conosceva meglio Rowe – ed era più ben informato sui gioielli – avrebbe eseguito il compito il giorno successivo.

L’affetto per Debbie Rowe (reciproco)

La mattina seguente, andò con un altro membro dello staff di Jackson che sapeva che tipo di anello avrebbe voluto Rowe. Per quanto riguarda le richieste dei suoi capi, Shaffer ha dichiarato alla pubblicazione: “Debbie è stata molto gentile e mi ha sempre voluto bene”. Conoscevate questa particolare storia su Michael Jackson? Siamo sicuri di no, una delle pochissime cose che forse non si conoscono del Re del Pop MJ.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.