gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson, l’analisi del suo diario segreto rivela degli spaventosi dettagli su…

Ma Michael Jackson è stato davvero un personaggio controverso? Ok, forse questa affermazione è un po’ faziosa, sapete già la risposta a questa domanda. Ebbene, il diario segreto di Michael Jackson ha rivelato diversi elementi particolari. L’analisi del suo diario segreto e in questo modo della sua calligrafia ha rivelato alcuni comportamenti discussi e diverse fantasie oscure. Un importante esperto di scrittura a mano ha analizzato alcuni estratti del diario segreto di Michael Jackson e ha rivelato che il compianto musicista era un uomo molto determinato ma era una personalità che soffriva molto la paura e la delusione.

Le paranoie e paure del Re del Pop

L’analisi del suo diario segreto ha rivelato che Michael Jackson ha sempre sperato di essere “immortalato” dalle telecamere e dalla fama. Oltre a ciò, il Nostro aveva la consapevolezza di essere stato perseguitato da un assassino. MJ aveva bisogno di trovare dei ragionieri e commerciali molto fidati dal momento che guadagnava circa 20 milioni di dollari a settimana e aveva paura che qualcuno gli rubasse tutto. L’analista e grafologa Tracey Trussell da allora ha sottolineato una serie di tratti complessi prevalenti nella sua scrittura.

La personalità di Michael Jackson

Ha detto a MirrorOnline: “Il vero valore di queste note è che non sono mai state pensate per gli occhi di qualcun altro, il che significa che sono state scritte inconsapevolmente e sono organiche al 100%. Sono intuizioni sincere nella mente di un uomo che credeva di essere onnipotente. […] Voleva distinguersi ed essere distintivo, e non aveva intenzione di fare le cose a caso. Era innovativo e indipendente, inventando le sue regole mentre procedeva. Le dimensioni della scrittura variano: le dimensioni grandi delle lettera svelano la grande consapevolezza di sé, le lettere più piccole mostrano la sua capacità di migliorare, concentrarsi e concentrarsi sull’applicazione dei dettagli più piccoli ai suoi piani”.

L’analisi del suo diario segreto nelle pulsioni sessuali

Alcune volte era in situazioni di grandi momenti di fantasia creativa, altre volte soffriva la fama, ma al contempo sentiva di essere davvero molto insoddisfatto della sua vita professionale. La Trussell rivela: “MJ era visionario – cercava di essere perfetto – ma non era mai contento o soddisfatto dei suoi successi nella vita – voleva sempre di più. E i suoi forti bisogni sensuali, le sue intense passioni, gli eccessi sfrenati e le fantasie oscure sono anche visti in alcuni degli spessi e neri inchiostri macchiati. Era ostinato e determinato, ha imbottigliato la rabbia e non ha mai saputo davvero quando gettare la spugna”.

Arrogante e pauroso al contempo di essere ridicolizzato

Secondo la grafologa, Michael Jackson aveva delle inclinazioni particolari che denotano il suo desiderio di vivere costantemente a cavallo del rischio e dell’avventura. Era un uomo che voleva avere il controllo della sua vita, spingendo un modo di fare molto arrogante e al contempo imbarazzante. Lui stesso, secondo l’analisi del suo diario segreto, aveva paura di essere ridicolizzato. Il diario di Michael Jackson non lo dice con certezza, ma l’influenza pesantissima del padre lo ha condizionato. In negativo o in positivo? Artisticamente non gli si può dire nulla.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.