gtag('config', 'UA-102787715-1');

Mick Jagger: “Ecco cosa ho pensato quando ho visto i Led Zeppelin dal vivo”

I Led Zeppelin sono una delle Rock Band più grandi di tutti i tempi, ciò nonostante non hanno mai avuto la possibilità di incrociare il loro cammino con i Beatles. Il rapporto che legava i Led Zeppelin e la band di Mick Jagger, però, è cosa ben diversa. Era il 1964 quando il leggendario chitarrista, Jimmy Page, incrociò per la prima volta i suoi passi con quelli dei Rolling Stones. Fu allora, infatti, che il session man di punta della scena londinese, Page, prestò i suoi servizi al gruppo per una demo di Heart Of Stone. Il legame tra Led Zeppelin e Rolling Stones, quindi, è cominciato ben 55 anni fa.

Negli anni ’70, poi, i Led Zeppelin utilizzarono diverse volte lo studio mobile dei Rolling Stones, in particolare, nel corso delle sessioni d’incisione per Led Zeppelin IV. Tracce come Rock and Roll, inoltre, risentono dell’apporto del sesto Stone, Ian Stewart. Inoltre, i Led Zeppelin utilizzarono la tenuta di Mick Jagger a Stargoves per incidere Houses Of The Holy nel 1973 e Physical Graffiti nel 1975. L’amicizia tra la band di Jimmy Page e quella di Mick Jagger risultò provvidenziale in alcuni punti salienti delle carriere dei due gruppi. Il frontman dei Rolling Stones si è espresso riguardo le sue impressioni quando assistette ad uno show dei Led Zeppelin dal vivo negli anni ’70 e, della sua reazione riguardo alla reunion della band in occasione del Celebration Day del 2007; in quest’articolo, ne abbiamo riportato le parole.

La reazione di Mick Jagger ai Led Zeppelin dal vivo

Nel corso di una recente intervista rilasciata per il Zoe Ball Breakfast Show, Mick Jagger ha ricordato del suo primo incontro con alcuni membri dei Led Zeppelin. In particolare, il cantante ha detto: “Era il 1965 quando conobbi John Paul Jones e Jimmy Page. Di li a poco, avrebbero cambiato per sempre il volto del Rock. I Led Zeppelin avrebbero prepotentemente irrotto sul panorama musicale del decennio successivo, salendo sul tetto del mondo per restarci. Fu proprio la band di Jimmy Page a spodestare i Beatles dalla vetta delle Billboard con Led Zeppelin II del 1969. Gli Zeppelin cominciarono ad affermarsi come i fautori di show straordinari che, in termini di vendite, surclassarono anche i Rolling Stones.

Andando avanti con il colloquio, Mick Jagger ha raccontato di alcune performance dei Led Zeppelin a cui assistette e di cui rimase particolarmente sbalordito: “Ricordo di aver visto i loro concerti a New York – ha detto – Gli show dei Led Zeppelin erano fenomenali, esplosivi, brillanti!. Purtroppo, l’ascesa dei Led Zeppelin vide il suo culmine nel 1980, a differenza della longevità dei Rolling Stones.

Il cantante degli Stones sul Celebration Day

Quando Jimmy Page, John Paul Jones e Robert Plant si riunirono nel 2007 per un concerto benefico per Ahmet Ertegun alla leggendaria O2 Arena di Londra, non avevano il tuono di John Bonham dietro le pelli, ma un validissimo sostituto, suo figlio Jason. Mick Jagger fu tra gli spettatori della strabiliante reunion dei Led Zeppelin. Proprio in merito al Celebration Day, l’esuberante Leader degli Stones ha detto: “Ho visto il loro ultimo concerto ed è stato incredibile!”.

In molti si trovarono d’accordo con Jagger, tant’è che in quei giorni, i rumors che avrebbero visto i Led Zeppelin di nuovo insieme per un tour si amplificarono particolarmente. Il ritorno degli Zep sul palco, purtroppo, non ebbe mai luogo, innescando il disappunto dei loro milioni di fan in tutto il mondo; ivi compreso Jagger, particolarmente propenso all’idea di seguire le loro gesta dal vivo: Rimasi molto deluso dalla loro scelta di non andare in tour – ha concluso Jagger – Ma alla fine mi sono convinto che non mi riguardasse”.

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)