gtag('config', 'UA-102787715-1');

Mötley Crüe, Vince Neil ha rivelato: “Ho perso dieci milioni di dollari in…”

I Mötley Crüe sono stati, sicuramente, nel corso della loro carriera, una delle formazioni che più si è distinta nell’ambito della cronaca per una serie di pazzie e follie che sono state compiute dai membri della band. Parliamo di dichiarazioni particolari, gesti incredibili e veri e propri atti di follia e sono stati messi a punto dai vari musicisti e membri della formazione. Per questo motivo, se si leggono alcune dichiarazioni che sono state rilasciate di recente, quasi non ci si sorprende del fatto che in una sola volta in cui siano stati in grado di perdere 10 milioni di dollari. Eppure, se si osserva nel dettaglio quale sia stato il motivo che ha portato la formazione statunitense a perdere così tanti soldi, allora non sembra essere più tutto così tanto scontato. Per questo motivo, vi parliamo di quella volta che i Mötley Crüe hanno speso più di 10 milioni di dollari per recuperare i diritti d’autore sulle loro canzoni, che erano stati ceduti per un accordo con la Elektra Records. Vi citiamo, tal proposito, anche le dichiarazioni di Vince Neil, il cantante Heavy Metal statunitense noto per essere il Frontman della formazione.

Le rivelazioni di Vince Neil e i dieci milioni di euro persi

Prima di riportarvi le dichiarazioni che sono state rilasciate da Vince Neil, vi parliamo di quell’accordo che i Mötley Crüe avevano preso con la Elektra Records e che li ha portati a dover spendere più di 10 milioni di dollari per recuperare la paternità delle loro canzoni. È stato Allen Kovak, manager dei Mötley Crüe, a rivelare a Forbes quanti milioni di dollari sono stati spesi dalla formazione statunitense per ottenere la piena proprietà delle loro canzoni.

Il tutto risale al 1998, quando la formazione aveva deciso di creare un’etichetta personale che servisse semplicemente per lanciare sul mercato le loro canzoni. La band era però impegnata in un affare con Elektra Records, una delle case discografiche più famose nel mercato statunitense, che sponsorizzava anche la band metal. Secondo gli accordi presi, la paternità delle canzoni dei Mötley Crüe era suddivisa a metà tra la band e la casa discografica, tanto che per acquisire la piena paternità dei brani che erano stati realizzati dalla formazione stessa, la band doveva pagare una sorta di multa per l’uscita dalla casa discografica.

Per questo motivo Vince Neil e la sua band spesero tra i 10 e i 12 milioni di dollari per acquisire la piena paternità dei loro brani, e per permettere alla Elektra Records di liberarsi di loro. Da quel momento in poi, con la fondazione della Mötley Records, la band statunitense riuscirà ad avere il 100% di proprietà dei loro brani, guadagnando milioni di dollari. A posteriori, quindi, la scelta è stata corretta, ma nel momento in cui è stata realizzata non è stato sicuramente facile per la band riuscire a perdere tutti quei milioni in un solo momento.

Il nuovo tour dei Mötley Crüe costa troppo?

A proposito di denaro, il nuovo tour dei Mötley Crüe è stato criticato per i suoi costi. Biglietti aerei e biglietti dei concerti per osservare la band esibirsi in America comporterebbero un prezzo troppo elevato per una singola persona, figurarsi per una famiglia.

Un fan della band ha dichiarato a proposito: “Quattro fratelli che volano dall’Inghilterra agli Stati Uniti per guardare Motley Crue. I voli da soli sono £400-500 ciascuno, quindi dove è meglio cercare? Guardando online sto pensando che i primi 30 suggerimenti ci porteranno a spendere almeno £ 350 ciascuno ma qualcuno ha qualche suggerimento? Qualche locale che conosci con posti decenti più economici? Non vedo l’ora di pagare £ 5000 per i miei fratelli e me stesso per vedere una band a 3000 miglia di distanza. Per quanto ami Motley Crue, ne ho bisogno a un prezzo più basso, ahah.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.