gtag('config', 'UA-102787715-1');

Nick Mason sarà a Milano il 20 settembre

Saucerful of Secrets, il progetto di Nick Mason

Ne abbiamo già parlato diverse settimane fa, sottolineando quanto importante fosse il progetto di Nick Mason: Saucerful of Secrets, chiamato in questo modo in onore di Syd Barrett. In effetti, nel momento in cui venne realizzato quest’album iniziò anche il declino di Syd Barrett che – a poco a poco – divenne sempre più marginale all’interno della band, prima di essere poi cacciato definitivamente.

Ma tornando alla superband di Nick Mason, è bene sottolineare il senso di questo progetto. Il nome suggerisce parte dello stesso; rievocare il repertorio floydiano delle origini, attraverso i capolavori scritti dal primo grande leader della band britannica, è l’obiettivo principale di Mason. La superband è formata, al di là del batterista, dallo storico turnista dei Pink Floyd Guy Pratt. E ancora, da Gary Camp, chitarrista degli Spandau Ballet, da Lee Harris (chitarre anche lui) e Don Bekem (che aveva già collaborato con Pratt) alle tastiere. Insomma, tutto ciò che è stato realizzato dai Pink Floyd prima della pubblicazione – nel 1973 – di The Dark Side of the Moon rientra nel repertorio della superband.

Perchè rievocare le origini dei Pink Floyd è importante

I fan più attenti non smettono mai di sottolinearlo: il capolavoro dei Pink Floyd non è solo The Dark Side of the Moon. Non è solo Wish YYou Were Here, né il solo The Wall. Insomma, l’intera discografia della band britannica (nonostante i dovuti dislivelli qualitativi e non solo) ha qualcosa di importante da offrire; dal punto di vista storico, culturale, sociale o soltanto nei testi o nella musica. Tutto è importante nella valutazione floydiana da parte di un fan o di un semplice amante della musica.

In questo senso, il progetto di Nick Mason e la superband Saucerful of Secrets è qualcosa di importantissimo. Rievocare le origini dei Pink Floyd, attraverso i primi capolavori della band targati Syd Barrett, è un modo per andare oltre “i dischi dell’Olimpo”, per riscoprire i grandi testi e i grandi significati delle origini.

Nick Mason a Milano giovedì 20 settembre

Andando al pratico e prendendo in considerazione l’oggetto di interesse del pubblico; la band ha intrapreso un tour che la porterà a visitare le piazze più importanti internazionali. Grande notizia per i fan italiani dei Pink Floyd è la presenza di Nick Mason con la sua band a Milano.

La superband sarà presente al Teatro Arcimboldi di Milano, giovedì 20 settembre. Si tratterà di un momento unico per poter godere delle origini della leggendaria band britannica. Allo stesso tempo, nonostante la superband non sia paragonabile ai Pink Floyd, si potrà avere una chiave di lettura differente, forse al contempo efficace, dei primi capolavori della formazione.  Uno «scrigno pieno di segreti», per tutti i fan e non solo.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.