gtag('config', 'UA-102787715-1');

Nirvana: MTV Unplugged poteva essere un fiasco

I Nirvana sono tra le band più celebri ed amate degli anni ’90. Nati a Seattle qualche anno prima, ossia nel 1987, raggiunsero il successo planetario nel 1991 a seguito della pubblicazione di uno degli album più importanti di sempre: “Nevermind”. All’interno di questo album sono presenti alcuni dei brani più celebri del gruppo, come “Lithium”, “Come As You Are” e soprattutto “Smells Like Teen Spirit”, la canzone più conosciuta del gruppo.

Nirvana: la versatilità del gruppo

I Nirvana sono stati inoltre tra i principali fautori del genere grunge, al fianco di gruppo come Pearl Jam o Alice In Chains. Il suono era dunque caratterizzato da chitarre distorte e comunque sonorità piuttosto dure. Verrebbe quindi strano immaginare canzoni di questo genere suonate in acustico. Il condizionale però è d’obbligo poiché furono proprio i Nirvana a dar prova della versatilità.

Infatti una delle esibizioni più celebri della formazioni di Seattle è quella che ebbe luogo il 18 novembre 1993 su MTV. Stiamo ovviamente parlando di “MTV Unplugged”, programma ideato dall’emittente televisivo e che si proponeva di far esibire band rock in versione acustica. Oltre ai Nirvana parteciparono al progetto anche gruppi come i Kiss, i Metallica e ed i Cure, solo per citarne alcuni.

Dave Grohl: “Poteva diventare un completo disastro”

Ad oggi l’esibizione dei Nirvana è considerata memorabile, ma si è rischiato che fosse un fiasco totale,. A rivelarlo non è stata una persona qualsiasi, ma Dave Grohl, oggi frontman dei Foo Fighters, all’epoca batterista della band di “Rape Me”. Durante un’intervista rilasciata ad American Way il musicista ha infatti dichiarato:Quel live poteva diventare un completo disastro. Non avevamo provato e on eravamo assolutamente abituati a suonare in acustico.”.

La magia sul palco

Dave Grohl ha proseguito: “Si fecero giusto un paio di prove, per altro terribili. Tutti, sia noi che i produttori di MTV, pensavamo che sarebbe stato un clamoroso fiasco. Una volta sul palco però, non appena si accesero le telecamere, successe qualcosa di magico. Abbiamo sentito come un click e siamo partiti. Alla fine si è rivelata essere una delle esibizione migliori dei Nirvana.”.

“Nirvana Unplugged in New York”

L’album live “Nirvana Unplugged in New York” sarebbe poi uscito postumo rispetto alla morte di Kurt Cobain rivelandosi un successo enorme. Debuttò al primo posto della classifica Billboard vendendo circa 310 mila copie solamente nella prima settimana. Alla fine l’album ottenne il disco di platino in praticamente tutto il mondo, dall’Italia al Giappone, dagli Stati Uniti d’America al Brasile. Nel 2007 venne anche pubblicato un DVD che integrava il video integrale dello show.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com