gtag('config', 'UA-102787715-1');

Oasis, Noel Gallagher: “Ecco cosa pensavamo davvero di Wonderwall”

Gli Oasis sono stati una Rock Band fondamentale per la rinascita del loro panorama di riferimento, tra la fine del XX Secolo e l’alba del Terzo Millennio. Con il loro approccio musicale catchy e sfrontato, i fratelli Gallagher sono saliti sul tetto del mondo sin dai loro esordi, facendo ritornare il Britpop in vetta alle classifiche di vendite di tutto il mondo, in un periodo storico, già di per sé, straordinariamente rivoluzionario.

Nel corso degli anni gli Oasis hanno messo la firma su alcune gemme dallo splendore immenso, capaci di far innamorare milioni di persone, a prescindere dalla loro età. Non è un caso, del resto, se Wonderwall è, a tutt’oggi, una delle tracce più amate dai teenager di tutto il mondo. Proprio riguardo la traccia sopracitata, Noel Gallagher ha, recentemente, effettuato alcune controverse dichiarazioni. In quest’articolo, abbiamo riportato le sue parole.

Noel Gallagher rivela cosa pensassero gli Oasis di Wonderwall

Pubblicato nel 1995, (What’s The Story) Morning Glory viene, quasi all’unanimità, considerato come il miglior album degli Oasis. Il disco, riscosse una dose di successo straordinario, poiché trainato da un brano evocativo come Wonderwall. Noel Gallagher è tornato a parlare della traccia, spiegando che i componenti della band non l’avessero mai amata particolarmente e che, più in generale, questi non avessero mai capito in che modo abbiano raccolto un consenso così spropositato in pochissimo tempo.

Riguardo il successo degli Oasis e, soprattutto di Wonderwall, il chitarrista ha detto: “Morning Glory è un album strano di cui parlare. Riscuotemmo un successo così repentino che nessuno di noi ha ricordi in proposito. L’altro giorno parlavo col mio manager. Gli chiesi se avessimo mai capito perché fu tutto così veloce e lui mi rispose che fosse accaduto tutto così in fretta perché avevamo assolto ai nostri ingaggi in circa tre settimane. In sostanza, facemmo tutto in 12 giorni. La reputo una cosa assurda a pensarci. Non avevamo idea di cosa avrebbe significato quell’album oggi.

Noel Gallagher ha parlato del successo degli Oasis e del loro giudizio su Wonderwall ai microfoni di SiriusXM. Riguardo la canzone, il musicista ha detto: “Mia figlia ha 20 anni e, spesso, le persone la guardano sbigottita, chiedendole se davvero suo padre avesse composto Wonderwall. Lei, ovviamente, risponde di si, ma continua ad essere importunata con queste domande, nonostante non fosse neanche nata quando la canzone fu pubblicata. Lo trovo strano. Non l’abbiamo suonata live per molto tempo poiché non eravamo contenti del risultato dal vivo. Liam la odiava e credo che anche il resto della band non l’amasse. Non ci sono ragioni per il suo successo, per questo cerco di non pensarci. La reputo solo una delle mie canzoni.

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)