gtag('config', 'UA-102787715-1');

Oasis, Noel Gallagher: “Odio cantare Wonderwall perché…”

L’ex chitarrista degli Oasis e principale autore della band Noel Gallagher ha detto: “Odio cantare Wonderwall”. Ma per quale motivo? Beh, indubbiamente quella canzone è una delle più celebri (se non la più famosa in assoluto) della band simbolo del britpop. The Chief ha ammesso che cantare e suonare quel pezzo degli Oasis quando era all’apice della popolarità con la band era un vero dolore. Ogni volta che la suona da quando non è con gli Oasis, ovvero insieme ai suoi High Flying Birds, quel pezzo gli mette moltissima tristezza. Ma c’è anche un altro motivo più tecnico.

Il boom discografico di Wonderwall

Indubbiamente la canzone è universalmente nota per il suo giro di accordi davvero famosissimo. Moltissimi chitarristi acustici e classici hanno sicuramente imparato gli accordi cercando di ripetere il giro di chitarra di Noel Gallagher. Ebbene, proprio quel modo di suonare la chitarra a volte fa stare male il suo stesso creatore, ovvero proprio Noel Gallagher. Il nostro aveva scritto il pezzo nel 1995 (secondo altre fonti nel 1994) e poi la canzone in questione sarebbe stata inclusa nel più grande successo della band, il disco (What’s the Story) Morning Glory? del 1995. Quel disco contiene anche un altro brano davvero celebre, il secondo più famoso del gruppo, ovvero Don’t Look Back in Anger, cantato in originale da Noel e non da Liam.

L’intervista di Noel Gallagher e la crisi su Wonderwall

Noel Gallagher ha parlato al podcast Funny How? di Matt Morgan il perché odiava fare il pezzo dal vivo quando era ancora con gli Oasis. Noel ha detto che era arrivato insieme alla band alla fine del tour, anche se non ricorda precisamente il periodo specifico. Egli ricorda che l’ultimo concerto era in Uruguay o in Venezuela, comunque un paese del Sudamerica, continente che ha sempre dimostrato un grande amore per la band di Noel e Liam Gallagher. Ovviamente Wonderwall era in scaletta ma proprio mentre stava terminando il pezzo Noel disse che non avrebbe più suonato il pezzo. Si sentiva come se non riuscisse più a farlo per bene o a darci emozione.

Le grandi canzoni vengono da…

Noel ha detto quindi: “Odio cantare Wonderwall”. In realtà però le cose sono molto diverse al giorno d’oggi. Noel ha ammesso che ora è completamente dedito alla composizione di nuovo materiale e nuove canzoni. Non ha chiaramente abbandonato la sua amata chitarra acustica in quanto, secondo lui, le grandi canzoni devono partire da chitarre acustiche. Il ciclo di vita e di successo di Wonderwall però non era nato con la chitarra acustica, bensì con quella elettrica. Noel però non amava il sound che la chitarra elettrica dava a Wonderwall e decise di optare per quella acustica.

Da elettrico a acustico

Il problema era sempre quello, il ritmo. La canzone era sempre troppo veloce e non andava mai bene. Per Noel era una canzone davvero terribile. L’idea di prendere la chitarra acustica gli venne quando capì che doveva darci un taglio con le droghe. Da quel momento capì davvero che la chitarra acustica avrebbe funzionato da Dio su Wonderwall.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.