gtag('config', 'UA-102787715-1');

Oasis, quella volta che Liam Gallagher spiò gli Stone Roses dopo aver comprato…

Lo sapete ormai tutti che Liam Gallagher non è proprio una persona normalissima. Andiamo a vedere quella volta che Liam Gallagher spiò gli Stone Roses dopo aver comprato una mietitrebbia. Era talmente appassionato e incuriosito dal vedere e sentire i pezzi della sua band del cuore che, durante una sessione di registrazione del gruppo di Ian Brown, fece una follia per spiare gli Stone Roses. Al tempo la band stava registrando in uno studio di registrazione nelle campagne inglesi ed era praticamente impossibile avvicinarsi, ma non per il cantante degli Oasis. Ecco che pensò bene di affittare una mietitrebbia per carpire tutti i segreti della band che lo avrebbe instradato alla carriera musicale.

Liam Gallagher spiò gli Stone Roses

Il cantante degli Oasis prese quella gigantesca macchina per spiare gli altri Stone Roses. Gli Oasis stavano registrando il loro album di debutto Definitely Maybe – con tracce tra cui Live Forever e Shakermaker. Ad un certo punto, proprio durante le sessioni di registrazione, Liam e il suo compagno di band Paul “Bonehead” Arthurs sentirono che gli Stone Roses erano nelle vicinanze. Liam ha ricordato: “Siamo andati a fare una fottuta spiata. Era tanto per sapere che cazzo stessero facendo dato che non facevano un pezzo da tre anni. Ero interessato a una mietitrebbia vera e propria, una di quelle in cui devi salire una scala e che sta in alto”.

Gli Stone Roses ricambiarono lo scherzo

Continua Liam: “Partiamo, andiamo avanti lungo la strada con le luci accese. Sembravamo degli sfigati. Hanno fatto entrare la mietitrebbia, abbiamo spento le luci e abbiamo sentito una canzone che mi pareva fosse The Professionals. Potevamo sentire qualche fottuta linea di basso e di batteria. Siamo stati catturati, siamo entrati nel posto e abbiamo fatto una piccola chiacchierata coloro. Poi ci siamo lasciati andare. La notte successiva arrivarono loro da noi su un trattore. E noi eravamo a letto.” In poche parole la band ispiratrice degli Oasis li aveva sentiti, ovviamente, e aveva deciso di ricambiare facendo loro uno scherzo.

Il ricordo degli Stone Roses

Liam Gallagher ha sempre detto che la band è stata una grandissima influenza quando lui era molto giovane. Ha ricordato: “Mi ricordo il brano “Sally Cinnamon” ma è stato “I Wanna Be Adored” il pezzo che mi ha catturato per primo. Ricordo che il mio compagno Damian aveva un fratello maggiore molto interessato a loro, e mi disse “hai sentito quella band, gli Stone Roses? C’è questa canzone chiamata “I Wanna Be A Dog”. Devo avere avuto circa 15 o 16 anni, e quando finalmente ho ascoltato il disco, ho avuto una vera e propria sensazione super, una vera leggerezza. E stavo attraversando una brutta grana familiare a casa e tutto il resto”.

Il progetto segreto

Ha continuato: “Ricordo in quel periodo, nel 1989 o altro, solo seduto nel parco, lunghe estati calde e, anche se a casa era una merda, quella musica era come un’altra dimensione”. Liam Gallagher ha ammesso che gli piacerebbe che gli Oasis facessero un enorme concerto con gli Stone Roses e i Verve, in modo da formare un supergruppo con loro. Per lui: “Ci sono troppe star soliste là fuori per i miei gusti e non abbastanza band”.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.