gtag('config', 'UA-102787715-1');

Ozzy Osbourne: “Vi dico i nomi delle rockstar che ci tengono veramente a me”

Non è passato molto tempo da che Ozzy Osbourne – ex frontman dei Black Sabbath – annunciasse ai fan e al pubblico di tutto il mondo di essere affetto da tempo di Parkinson. Malattia questa, che ha debilitato notevolmente il Principe delle Tenebre. Il suo quadro clinico è stato poi una continua montagna russa di guai medici – prima la grave infezione alla vie respiratorie, poi la caduta nella sua casa con la quale ha rischiato di perdere la vita. In una recente intervista con Kerrang, Ozzy ha parlato della sua condizione e delle tante rockstar che lo chiamano per rimanere aggiornate su di lui.

OZZY OSBOURNE, USCITO IL NUOVO ALBUM ORDINARY MAN

Lo scorso 21 Febbraio 2020 Ozzy Osbourne ha dato alle stampe il suo dodicesimo album in studio per la Epic Records. Durante la composizione e incisione del lavoro, il Principe delle Tenebre è stato affiancato da diversi artisti. Chad Smith – attuale batterista dei Red Hot Chili Peppers. Duff McKagan, bassista dei Guns N’ Roses. E il produttore Andrew Watt.



L’uscita di Ordinary Man è stata preceduta dal rilascio dei due singoli Under the Graveyard e Straight to Hell. Il 10 Gennaio, è stata la volta della terza traccia estratta – dal titolo omonimo  – realizzata con Elton John. E solo il giorno prima dell’uscita dell’album infine, è uscito il singolo It’s a Raid con Post Malone.

ORDINARY MAN, COSA PENSA OZZY OSBOURNE DEL SUO NUOVO LAVORO?

Nella situazione buia e burrascosa riguardante la sua salute, Ozzy Osbourne ammicca con ottimismo al suo nuovo disco – Ordinary Man – uscito lo scorso 21 Febbraio 2020. “C’è così tanta gioia in quel lavoro. E mi ha fatto uscire dalla mia depressione, sicuramente – ha detto il Principe delle Tenebre ai microfoni di KerrangAbbiamo catturato l’essenza del divertimento. Ed è stato bello realizzare qualcosa”.



Ozzy Osbourne ha poi continuato, spiegando cosa abbia provato nel comporre e ultimare il suo sedicesimo album in studio. “E’ stato come nuotare da una parte all’altra del mondo. Alla fine pensi: “Terra”. Mi ha fatto capire “Non sono ancora finito” – ha confessato l’ex cantante dei Black Sabbath […] Sono così felice di aver fatto qualcosa. Non sarei seduto qui ora se non l’avessi fatto – mi ha salvato dalla mia miseria”.

OZZY OSBOURNE, QUALI SONO LE ROCKSTAR CHE TENGONO VERAMENTE A LUI?

Parlando di Ordinary Man – e del modo in cui l’album lo abbia salvato dalla depressione per la sua malattia – Ozzy Osbourne è finito a parlare degli artisti che lo chiamano spesso per chiedergli come stia. “Vi dirò le persone che sono state fantastiche – ha esordito il Principe delle TenebreJonathan Davis dei Korn, mi chiama regolarmente. Tony Iommi si tiene in contatto, Bill Ward anche. Slash. E’ fantastico. Capisci chi ci tiene davvero”.

RED HOT CHILI PEPPERS, CHAD SMITH PARLA DELL’ALBUM CON OZZY OSBOURNE

Chad Smith – attuale batterista dei Red Hot Chili Peppers, tornati alla ribalta dopo il ritorno di John Frusciante – ha detto la sua sul disco con Ozzy Osbourne. “Vedere Ozzy fare nuova musica, tutti coloro ai quali lo abbiamo detto […] volevano esserne parte. – ha confermato il musicista – Così volevamo che fossero le persone giuste […] persone che amano Ozzy, che sono quasi tutte in ogni caso”.



Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.