gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pantera: i 5 brani più sottovalutati della band heavy metal

I Pantera, attivi dal 1981 al 2003, sono stati uno dei gruppi più influenti della scena heavy metal. La formazione originaria di Arlington, infatti, più e più volte è stata annoverata tra i principali gruppi metal degli anni novanta, piazzandosi alla quinta posizione della classifica stilata da MTV dei “dieci miglior gruppi heavy metal di tutti i tempi” e alla quarantacinquesima di quella dei “cento più grandi artisti dell’hard rock” secondo VH1. Sfortunatamente i Pantera si sono sciolti nel 2003 e, dopo la morte di Dimebag Derrell – avvenuta l’8 dicembre del 2004- sono sfumate tutte le speranze circa una possibile reunion. Oggi per omaggiare questa fantastica band abbiamo pensato ad una singolare classifica, una speciale raccolta dei 5 brani più sottovalutati dei Pantera.

Hollow

Come molto spesso succede nel rock, ci sono brani che, per un motivo o per un altro, finiscono nel dimenticatoio. I pezzi dei Pantera, naturalmente, non fanno eccezione. Il primo brano che vogliamo proporvi si intitola ‘Hollow‘ ed è stato pubblicato prima come singolo nel 1992 e poi inserito nell’album ‘Vulgar Display of Power‘ dello stesso anno. Il brano presenta inizialmente un ritmo piuttosto lento ed un tono vocale piuttosto basso e calmo; nella seconda parte però Phil Anselmo esplode completamente, mostrando tutte le sue capacità vocali.

I’ll Cast a Shadow

Passiamo ora al secondo brano di questa singolare raccolta: ‘I’ll Cast a Shadow‘. Il pezzo, ultima traccia dell’album del 2000 ‘Reinventing the Steel‘, è caratterizzato dalla solita, potente, base musicale del gruppo heavy metal statunitense. Ciononostante, però, i fan dei Pantera hanno sempre considerato il brano ancora troppo lontano dai canoni a cui erano abituati.

Drag the Waters

In questa speciale classifica dei 5 brani più sottovalutati dei Pantera non potevamo certo escludere ‘Drag the Waters‘. Il pezzo, pubblicato dalla band texana prima come singolo nel 1996 e poi come quarto estratto dell’album ‘The Great Southern Trendkill‘, tratta alcuni temi molto cari alla band come la droga e l’overdose.

Live in a Hole

Tra ritmi martellanti e riff psicotici andiamo ora a scoprire la quarta canzone di questa singolare classifica: ‘Live in a Hole‘. Pubblicato dalla band heavy metal statunitense nel 1992, il brano racconta delle lotte interiori degli esseri umani, dell’ansia sociale, dell’alienazione e di una pace interiore che sembra non arrivare mai.

Cemetery Gates

E, dulcis in fundo, ‘Cemetery Gates‘. Questa potente ballata, pubblicata dalla band statunitense nell’album del 1990 ‘Cowboys from hell‘, è la canzone più lunga dell’intera discografia dei Pantera. Nel 1991 durante un’intervista Phil Anselmo ha dichiarato di aver scritto questa canzone pensando ad alcuni suoi amici che si erano suicidati.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)