gtag('config', 'UA-102787715-1');

Paranoid: da brano “tappabuchi” a grande successo dei Black Sabbath

Paranoid, la canzone più famosa dei Black Sabbath?

Chi poteva mai aspettarsi che una canzone la cui lunghezza non è neanche 3 minuti potesse contribuire a cambiare la storia di un genere? E’ la storia di Paranoid, brano spettacolare che ancora oggi rimane nella mente e nei cuori di tutti i fan non solo dei Black Sabbath, ma del metal e della musica in generale. Considerando che questo è uno dei primi brani in assoluto che si ascolta della band britannica, il successo non deriva solo dai grandi numeri. Anzi: i grandi numeri sono la conseguenza.

Paranoid è sicuramente la canzone più famosa dei Black Sabbath, grazie alla brevità che la caratterizza ma non solo: in quei due minuti e cinquanta secondi la band britannica riesce a inserire tutto il meglio della propria qualità sonora, contenutistica e musicale. Eppure, la formazione non la pensava così nel momento in cui ha realizzato il brano stesso. Ve ne parliamo cercando di spiegarvi la storia del celebre singolo dei Black Sabbath.

Com’è nato il capolavoro della band britannica

Pubblicato il 17 settembre del 1970, Paranoid divenne ben presto un grandissimo successo nonostante nessuno si aspettasse che questo potesse accadere. In effetti, la lunghezza del brano suggerisce che la funzione dello stesso dovesse essere quella di “tappabuchi”. Insomma, per riempire l’album con una traccia in più la band scelse proprio quello che divenne il celebre pezzo.

Il brano venne registrato come riempitivo negli Island Studios di Londra; il successo, nonostante non fosse previsto, fu rapido e immediato: da quel fortunato 1970 i Black Sabbath videro segnata la loro carriera e Ozzy Osbourne continuò ad esibirsi con questo brano anche quando abbandonò la band. Un’ultima chicca: il brano è stato realizzato dal solo Tony Iommi, che continuava a suonarlo quando si trovava solo. Inizialmente doveva chiamarsi The Paranoid.

Black Sabbath, il giorno degli amanti del metal

Siamo sicuri di non essere i primi a parlarne, per questo non ci prenderemo i meriti per un qualcosa che non abbiamo certamente inventato noi. Se il Black Friday è il giorno per gli amanti degli acquisti, dell’elettronica e per tutti coloro che vogliono risparmiare qualcosa per fare regali, il Black Sabbath è il giorno degli amanti del metal.

Non possiamo certamente farvi sconti sull’acquisto di album e molto altro della band britannica, ma possiamo assicurarvi che, nella maggior parte dei casi, ascoltare la band è gratuito. Per questo motivo, cuffie alle orecchie e prendetevi un po’ di tempo per voi. Magari iniziate proprio con Paranoid, di cui vi abbiamo parlato, e dedicatevi alla musica spettacolare della band britannica. E buon Black Sabbath a tutti!

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.