gtag('config', 'UA-102787715-1');

Paul McCartney: “Bob Dylan riesce ancora a rendermi nervoso”

Paul McCartney è uno di quei musicisti, il cui nome, è entrato negli annali della storia della musica contemporanea sin dai suoi esordi. Membro fondatore di una delle più grandi band di tutti i tempi, il leggendario bassista e colonna portante dei Beatles ha dimostrato, in diverse occasioni, di avere ancora molto da dire in termini artistici. La leggenda della British Invasion è in procinto di ritornare con un nuovo, formidabile, album. Vista la caratura elevatissima della figura di Paul McCartney, può sembrare strano che esistano artisti ancora capaci di ispirare le sue scelte, ma Bob Dylan è uno di questi.

A dispetto delle straordinarie premesse, in effetti, anche una persona che è riuscita a vendere oltre 700 milioni di dischi avrà avuto un punto di partenza. McCartney, dal canto suo, non si è mai tirato indietro dal tessere le lodi dei suoi punti di riferimento. Di recente, Paul ha riconfermato la sua smisurata ammirazione per Bob Dylan, rivelando di rimanere ancora di stucco innanzi all’immensità della sua figura. Nel corso di una recente intervista rilasciata per il Penguin Podcast, Paul McCartney ha affrontato gli argomenti più disparati, mostrando un’affabilità ed un’umiltà decisamente fuori dal comune. Avendo affrontato le gioie e i dolori della celebrità; fattore costante della sua carriera sessantennale, Paul si è detto in equilibrio con sé stesso, seppur in contrasto con i blasoni della fama.

Le parole di Paul McCartney su Bob Dylan

Paul McCartney ha vissuto un’intera vita sotto la luce dei riflettori; lasciando che egli stesso maturasse una concezione personale del mondo dello spettacolo. Quando gli è stato chiesto se ci fossero ancora personalità capaci di emozionarlo o, addirittura, intimorirlo, questi ha risposto: “Ci sono una o due persone che riuscirebbero a rendermi ancora nervoso”. Successivamente, Paul McCartney ha affrontato la domanda nel dettaglio, focalizzandosi su Bob Dylan e, affermando: “Bob Dylan riuscirebbe ad emozionarmi. Trovo esilarante il fatto che, nonostante io e Bob ci conosciamo sin dagli anni d’oro, lui riesca ancora a rendermi nervoso. Inoltre, so che anche lui ripone non poca stima nei miei confronti e dei Beatles”.

Proprio riguardo Paul McCartney, infatti, Bob Dylan disse: “Paul McCartney sa infondermi soggezione. Riesce a fare qualsiasi cosa senza mai lasciarsi andare. Paul ha il dono della melodia e del ritmo. Riesce a suonare ottimamente ogni strumento e sa cantare e urlare con adrenalina come nessun’altro. I suoi brani sono dei classici. Questo è il motivo per il quale la sua figura infonde soggezione. Lo trovo ammirevole. Tutto ciò che scaturisce dalla sua mente è perfetto in termini melodici. La stima e l’ammirazione reciproche tra Dylan e McCartney, rappresentano un motivo d’orgoglio per i milioni di fan dei due artisti in tutto il mondo; nonché un punto brillante della storia del Rock.

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)