gtag('config', 'UA-102787715-1');

Paul McCartney: “Ecco che cosa dovrebbe cambiare per me nel sistema scolastico britannico”

L’ex bassista dei Beatles Paul McCartney ha rivelato: “Ecco che cosa dovrebbe cambiare per me nel sistema scolastico britannico”. In poche parole, ha affermato che non desidera che la carne sia obbligatoria nel sistema scolastico inglese. Sappiamo che Paul McCartney è uno degli attivisti vegani più famosi nel mondo della musica rock (ce ne sono anche molti altri, come Johnny Marr, ex chitarrista degli Smiths). Siamo certi che questo suo pensiero non sarà condiviso proprio da tutti.

La causa animalista e vegana di Paul McCartney

Paul McCartney ha chiesto che dai menu di tutte le mense scolastiche del Regno Unito non ci sia solamente la carne e basta, senza possibilità di scelta, ma che venga messa anche una opzione vegana. Il Nostro ha deciso di scrivere al Governo inglese, supportato anche dalle figlie Stella e Mary McCartney, esponendo completamente il suo parere contrario alla scelta del Ministerio dell’istruzione. Secondo lui i bambini, e le loro famiglie di conseguenza, hanno il diritto di scegliere piatti vegani da mangiare nei pasti.

La lettera di Paul McCartney e delle figlie

L’ex bassista dei Beatles ha affermato di aver scritto insieme alle sue figlie una lettera al Segretario di Stato per L’Istruzione Gavin Williamson. In questo periodo si sta discutendo molto riguardo il sistema alimentare del Regno Unito in una Convention chiamata National Food Strategy. McCartney ha scritto: “Ecco che cosa dovrebbe cambiare per me nel sistema scolastico britannico. Nessuno ha bisogno di mangiare carne e quindi non dovrebbe essere un obbligo servirla nelle scuole. E’ giunto il momento di cambiare gli standard dei cibi nelle scuole per aiutare il mondo, salvare gli animali e incentivare uno stile di alimentazione sano”.

L’appello di Paul McCartney e il sondaggio

L’appello di McCartney non è però giunto da solo dal momento che è sempre stato un promotore della PETA, People for the Ethical Treatment of Animals (tradotto: Persone per il Trattamento Etico degli Animali). Insieme alle figlie, ha voluto sensibilizzare sul fatto che, a seguito di un sondaggio del 2019, quasi i tre quarti dei bambini vorrebbero avere delle opzioni vegane nelle mense scolastiche. Paul è così intenzionato a dare seria battaglia al sistema scolastico e dell’istruzione inglese. Voi cosa ne pensate? Ritenete che sia un po’ troppo questo anche per Paul McCartney e che sia un vaneggiamento di un uomo che sta, purtroppo, invecchiando? Oppure siete d’accordo con lui e con questa scelta provegan nel sistema scolastico britannico?

La cura per il sociale dell’ex Beatle

Non è la prima volta che l’ex Beatle si batte per queste cause insieme alle figlie. La presenza della fotografa Mary McCartney e della forse più celebre stilista Stella sono state fondamentali per Meat Free Mondays. Per coloro che non se la dovessero ricordare, fu una campagna no profit del 2009 che era incentrata sul sensibilizzare le persone sull’impatto negativo di alcune azioni sull’ambiente. Tra queste c’erano pratiche come l’allevamento degli animali e la pesca industriale, pratiche che avrebbero causato in parte il cambiamento climatico. La campagna all’epoca ebbe anche un certo risalto e non ci resta che aspettare cosa dirà o farà il egretario di Stato per L’Istruzione.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.