gtag('config', 'UA-102787715-1');

Paul McCartney, quel brano ispirato da Taylor Swift

Paul McCartney è un artista conosciuto a livello mondiale. La sua carriera è ancora oggi strettamente legata a quella dei Beatles, band che lo ha reso un’icona assoluta. Dopo lo scioglimento dello storico quartetto, il cantante ha proseguito il suo percorso da solista. Lo ha fatto prendendo spunto da altri artisti, tra i quali alcuni potrebbero essere considerati alquanto inusuali. Tra questi, va segnalata la pop star statunitense Taylor Swift, fonte di ispirazione di uno dei successi più recenti dell’artista britannico, la frizzante Who Cares.

La scelta di Paul McCartney di ispirarsi a Taylor Swift

A dire la verità, il primo ascolto di Who Cares non sembra lasciar presagire una somiglianza così lampante con un qualsiasi brano di Taylor Swift. Non sembra simile a pezzi come Shake It Off. Eppure, l’esperienza di Paul McCartney dopo il suo periodo con i Beatles è stata costellata di canzoni abbastanza leggere e allegre, come Silly Love SongsWonderful Christmastime. Ad ogni modo, è stato lo stesso artista a confermare un’analogia così particolare.

“Sì, in realtà stavo pensando a Taylor Swift e al rapporto con i suoi giovani fan, simile a quello tra un fratello e una sorella”, così ha esordito Sir Paul alla BBC“Stavo immaginando di parlare con uno di questi giovani appassionati e chiedergli se fosse mai stato vittima di bullismo”. Ebbene sì, una giovane star dell’ultima generazione può aver dato uno spunto di interesse ad una delle rock star più famose di sempre.

Taylor Swift e il suo forte affetto per Paul McCartney

Dall’altra parte, anche Taylor Swift non ha fatto mistero della sua notevole predilezione nei confronti dello stile musicale di Paul McCartney. In un’intervista rilasciata alla rivista di settore Country Music Channel, la ragazza originaria della Pennsylvania ha sottolineato quanto il percorso artistico di Paul abbia dato un’impronta indelebile alla sua carriera.

“L’ho conosciuto prima da solista”, esordisce la Swift, “ma col passare del tempo ho comprato tutti i CD dei Beatles. Paul sa scrivere della sua vita e dei suoi apprendimenti sull’amore con brillantezza e semplicità”. In pratica, la bella Taylor si sente come se l’artista fosse riuscito ad entrare nel suo cuore e nella sua mente, grazie a sonorità in grado di colpirla fin dal primo ascolto e a testi penetranti.

A tutto ciò, bisogna aggiungere anche il suo debole nei confronti delle nuove canzoni di Paul McCartney“Quando ho incontrato Paul dietro le quinte di un suo concerto del 2010 a Nashville, sono stata davvero entusiasta di conoscere una persona così gentile. L’ho visto cantare Blackbird dal vivo. Per me è stato un momento indimenticabile”. È davvero suggestivo pensare a quanto due artisti dalle generazioni e dal pubblico potenziale così differenti siano in grado di ispirarsi e apprezzarsi a vicenda.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)