gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pearl Jam: il concerto di Eddie Vedder finito in rivolta

“Trenta persone sono state arrestate al concerto dei Pearl Jam ad Hartford, Connecticut”. Così inizia il servizio di MTV News Report che annuncia il drammatico finale di un esibizione live di Eddie Vedder e compagni. Siamo al Meadows Music Theatre. Due storie molto diverse emergono alla fine della vicenda. Ma cosa è successo veramente durante quel concerto ad Hartford? 

La prima versione della storia

“I Pearl Jam si stavano esibendo al Meadows Music Theatre, davanti ad una folla sold out […] Erano state montate delle barricate tra il prato e il padiglione – così inizia la dichiarazione stampa dal campo dei Pearl Jamcirca un’ora dopo l’inizio dello show, un piccolo gruppo di persone molto agitate ha iniziato a spingere contro la recinzione […]”. Eddie Vedder e compagni si stavano dunque esibendo davanti ad una folla pagante che aveva riempito fino al limite il Meadows Music Theatre nel 1996. Le persone coinvolte nella rivolta hanno cercato di arrivare più vicini al palco scavalcando le barricate.

“Nell’agitazione un poliziotto è rimasto lievemente ferito. Gli altri ufficiali hanno intimato di arretrare e hanno ristabilito l’ordine in dieci minuti – continua la dichiarazione della rivolta ad Hartford, CT i Pearl Jam non si sono accorti di nulla e il concerto è proseguito come da programma”. Il corrispondente di ATNChristopher Penler – ritiene che la storia sia stata esagerata: “Eddie ha detto alle persone delle prime file di calmarsi un paio di volte, ma questo è tutto”. 

La seconda versione del concerto dei Pearl Jam

Totalmente diversa la versione riportata nel resoconto compilato dalla polizia di Hartford. Un portavoce del dipartimento della città ha dichiarato che per la serata erano state assunte circa 36 guardie private – a garanzia del pubblico che sarebbe accorso per vedere Eddie Vedder, Mike McCready e gli altri. La folla stimata si aggirava invece intorno alle 30.000 persone – una proporzione di circa 1 poliziotto per mille persone. “E’ stato immediatamente chiaro che non fosse sufficiente – continua il portavoce del dipartimento di polizia – la folla era sotto l’influenza di alcol e droghe che hanno contribuito ad aumentare gli episodi di violenza”.

La seconda versione del concerto dei Pearl Jam finito in rivolta, addossa dunque la colpa all’impreparazione del Meadows Music Theatre. Gli agenti hanno cercato di contenere le risse o gli scoppi di violenza, ma ben presto sono stati inghiottiti dal pubblico e costretti a difendere se stessi. La situazione è diventata particolarmente critica nella zona tra le barricate e il padiglione, dove sono scoppiati violenti confronti tra il pubblico e la polizia. In quell’area specifica un gruppo di persone – molto agitate – ha iniziato a scalare le recinzioni e a lanciare bottiglie addosso alla sicurezza, per arrivare più vicini al palco. La polizia è quindi stata costretta ad intervenire. 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.