gtag('config', 'UA-102787715-1');

Perché Marylin Manson decise di fare la cover di “Sweet Dreams”?

Perché Marylin Manson decise di fare la cover di “Sweet Dreams (Are Made of This)” degli Eurythmics? Nel 1995 il Reverendo decise di buttare fuori un album un po’ diverso dal solito, un EP che racchiudesse non solamente dei pezzi inediti, ma anche delle cover, dei remix e intermezzi vari. Ecco allora che uscì Smells Like Children, un disco molto interessante che non contiene solo la cover di “Sweet Dreams (Are Made of This)” ma anche un pezzo di Screamin’ Jay Hawkins. Quest’ultimo aveva scritto ancora diversi anni prima, anzi molti anni prima I Put A Spell On You, una delle canzoni soul più famose di sempre. La storia della cover di Manson inizia qui.

Il singolo

La casa discografica, la Nothing, non voleva che Marylin Manson facesse uscire “Sweet Dreams (Are Made of This)” come singolo promozionale del disco. Nella sua autobiografia, risalente al 1998, il Reverendo disse di essersi imposto a tutti i costi per far uscire la canzone degli Eurythmics, rifatta da lui stesso, come singolo. La casa discografica voleva il pezzo di Screamin ‘Jay Hawkins “I Put a Spell on You”, rifatto chiaramente da Manson. La sua cover di Sweet Dreams era per la casa discografica troppo oscura ed esoterica e aveva paura che Manson avrebbe floppato. Nulla di più falso e lo stesso Manson ha affermato che la Nothing non lo ha mai ringraziato per tutti i soldi che ha fatto guadagnare alla casa discografica grazie alla cover del pezzo degli Eurythmics.

Il videoclip

Sweet Dreams divenne un successo pazzesco per Marylin Manson, aiutato anche da un videoclip veramente pazzesco. Il videoclip, diretto da Dean Karr, vede il cantante che cavalca un maiale e si auto inferisce dolore con gli oggetti disparati. Il video venne decretato come il videoclip più spaventoso della storia del rock, superando anche Thriller di Michael Jackson. Ma perché Manson decise di fare una cover del genere di un pezzo così distante dal suo genere? In realtà a Marylin Manson piaceva veramente molto il brano nonostante un arrangiamento che non aveva oggettivamente molto a che fare con il rock o il metal.

Il trip

Manson decise così di farci un adattamento sonoro molto più oscuro e aggressivo. Il Reverendo vide la canzone come un brano che gli ricordava un trip psichedelico che aveva avuto molto tempo prima. Prese in considerazione l’idea di trasformare quella canzone quasi dance in una hit lenta e aggressiva. Tra l’altro Marylin Manson chiamò per la produzione del brano un vero e proprio genio della musica decadente e dell’alternative metal. Si trattava nientepopodimeno che di Trent Reznor, il fondatore e leader dei Nine Inch Nails, grande idolo di Manson.

Disco per bambini?

Il pezzo venne prodotto dal tecnico del suono e produttore Dave Ogilvie e dal tastierista Charlie Clouser e dalla voce dei Nine Inch Nails Trent Reznor. Il senso del disco, secondo Marylin Manson, era dovuto al fatto di voler fare un disco per i bambini nonostante non fosse chiaramente dedicato a loro. Non a caso Manson scrisse nel disco “Tenere il disco e tutte le droghe lontano dai bambini”.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.