26 January, 2021, 00:07

PFM: come si è formata la ‘Premiata Forneria Marconi’?

Torniamo oggi a parlare di musica italiana. Recentemente ci stiamo soffermando spesso su questo genere, raccontandovi la carriera e le storie di alcuni grandi cantautori nostrani: Fabrizio De André, Lucio Battisti, Rino Gaetano, Francesco Guccini, Pino Daniele, Francesco De Gregori, Franco Battiato e via dicendo. Oggi, invece, siamo qui per soffermarci sulla storia di una delle più grandi band italiane di tutti i tempi: la Premiata Forneria Marconi, anche nota più semplicemente come PFM.

PFM: come si è formata la “Premiata Forneria Marconi’?

Quando si parla di rock italiano, in realtà, sono in molti a storcere il naso. I più estremisti, poi, affermano che questo genere non si sia mai sviluppato in Italia, preferendo magari il classico rock inglese e/o americano. Si, insomma, siamo onesti: quando si parla di rock-band i primi gruppi citati sono gli AC/DC, I Guns N’Roses, i Pink Floyd, i Rolling Stones, i Beatles, i Van Halen, i Queen. Oppure, ancora, gli U2, i Doors, i Led Zeppelin, gli Aerosmith, gli Oasis e via dicendo. Difficilmente, infatti, parlando di grandi rock band qualcuno citerebbe un gruppo nostrano, purtroppo.

Eppure, nonostante tutto, anche noi possiamo contare su un florido e promettente panorama rock. Un esempio lampante di grande rock band italiana è, naturalmente, quello della PFM. Questa straordinaria band nasce, originariamente, come un’evoluzione artistica di “Quelli”: un quintetto che si era fatto notare molto negli anni sessanta grazie ad una straordinaria tecnica esecutiva e grazie alla preparazione di ogni singolo membro del gruppo.

Il quintetto italiano

Quelli‘ erano formati da Franz di Cioccio, Franco Mussida, Flavio Premoli, Teo Teocoli e Giorgio Fico Piazza e, inizialmente, si dedicavano a cover e arrangiamenti di pezzi di alcuni storici cantautori italiani come Lucio Battisti, Mina e Fabrizio Faber De André. La vera svolta per la PFM, però, arrivò quando al gruppo si unì anche Marco Pagani: il suo ingresso, infatti, cambiò completamente le sorti della Premiata Forneria Marconi.

La nascita della PFM

Pagani convinse i membri della band a provare un qualcosa di nuovo, ad allargare i propri orizzonti musicali. C’era, però, ancora una questione da risolvere: quella del nome. La band nota prima come ‘Quelli‘ e poi come ‘Krel‘ aveva necessariamente bisogno di rinnovare e, quindi, di cambiare anche nome. Le possibili opzioni alla fine si ridussero a due nomi: Premiata Forneria Marconi e Isotta Fraschini. E, nonostante i produttori discografici pensavano che fosse troppo lungo come nome, la band alla fine scelse proprio “Premiata Forneria Marconi” (ripreso da una forneria di Chiari frequentata da Marco Pagani).

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)