gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd, ascolta la bellissima versione inedita di High Hopes! (VIDEO)

Non c’è dubbio: se si considerano i Pink Floyd e la loro esperienza a seguito dell’abbandono di Roger Waters, i pareri possono essere assolutamente discordanti. C’è chi ne apprezza i contenuti, il modo di far musica e, soprattutto, la capacità di andare avanti nonostante una mancanza artistica non irrilevante; allo stesso tempo c’è chi considera quella band come un qualcosa di diverso dai Pink Floyd, a causa dell’assenza della vera e propria anima, ideologica e artistica, della formazione. Di sicuro, una delle realizzazioni discografiche più interessanti, in quel contesto, è stata quella di High Hopes, di cui è stata realizzata una bellissima versione inedita.

The Division Bell, l’album simbolo dei Pink Floyd dopo l’abbandono di Roger Waters

«Robaccia… senza senso dall’inizio alla fine…» è il giudizio che Roger Waters diede di The Division Bell. Un album che, se rapportato all’esperienza dei Pink Floyd con Roger Waters, appare come completamente diverso. In effetti, il cambiamento da parte della formazione britannica è stato avvertito non soltanto dal punto di vista artistico, ma anche nell’ambito prettamente concettuale e ideologico.

Gran parte della critica stroncò il prodotto, attraverso recensioni tutt’altro che positive; eppure, i Pink Floyd di quegli anni furono tutt’altro che incapaci di fare grandi cose. Basti considerare che il concerto dei Pink Floyd a Venezia venne realizzato già in assenza di Roger Waters, e che la formazione britannica riuscì a ritrovare uno spirito che sembrava essere caduto preda di un torpore condiviso e generale.

La versione inedita di High Hopes

A proposito di quegli anni, che abbiamo cercato di raccontarvi attraverso la trattazione di The Division Bell, i Pink Floyd hanno cercato di celebrarli attraverso un nuovo cofanetto specifico, che tratterà tutta la produzione artistica di David Gilmour, Nick Mason e Richard Wright dal 1987 in poi. Il cofanetto, che prenderà il nome di “Pink Floyd The Later Years” è stato anticipato dalla pubblicazione della versione inedita di High Hopes.

Il brano è stato, sicuramente, uno dei più apprezzati del periodo a seguito dell’abbandono di Roger Waters: il suo testo, la sua potenza musicale pressoché avvolgente e una voce di David Gilmour in grado di emozionare sono le caratteristiche fondamentali di un brano che, senza dubbio, merita tutto il successo che ha avuto. In attesa del 29 novembre 2019, in cui sarà pubblicato il boxset, è possibile ascoltare la versione inedita, e bellissima, del brano.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.