gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd: ecco Echoes con la sola chitarra di David Gilmour (VIDEO)

Nel vasto repertorio musicale dei Pink FloydEchoes occupa senz’altro un ruolo di primo piano. Si tratta della sesta traccia di Meddle, il sesto album inciso dalla storica band rock britannica. Questa suite ha una durata di circa 23 minuti e mezzo e viene considerata tra le più lunghe della storia della musica. Di seguito, scopriremo una versione del tutto nuova di questo capolavoro, spesso sottovalutato. Entrando nei particolari, ascolteremo questo brano nella sola chitarra del fenomenale David Gilmour, che in questo caso ha mostrato tutte le sue enormi qualità musicali.

Una chiave di lettura elementare per una canzone straordinaria

Molto probabilmente, Echoes è uno degli autentici picchi del percorso musicale di David Gilmour. Forse isolare un qualsiasi brano dei Pink Floyd potrebbe essere considerato un sacrilegio da parte dei puristi della musica rock. Tuttavia, la chance di poter apprezzare i riff ripetuti di un genio così straordinario può risultare imperdibile. Certo, si tratta di una chiave di lettura piuttosto elementare di un brano leggendario, un’opera d’arte che va ben al di là di un semplice concetto musicale.

Ad ogni modo, Roger Waters ha parlato di questa canzone come di una descrizione del “potenziale degli esseri umani di riconoscere l’umanità degli altri e di interagire con la stessa, ostentando più empatia che antipatia”. Con un’introduzione del genere, l’ascolto di una simile composizione può risultare meraviglioso in tutte le sue forme. Ciò vale ancora di più se si pensa che il brano è nato come un omaggio a Terry Riley e alle sue straordinarie composizioni di chiaro stampo minimalista.

Un vero colosso della storia della musica

Come già accennato in precedenza, Echoes viene considerata a giusta ragione come un autentico colosso della musica rock e non solo. I 23 minuti e passa della canzone sono ricchi di momenti di pura felicità per ogni appassionato di musica. Dall’assolo d’organo di Richard Wright alla chiara ispirazione nei confronti dei Beach Boys e del capolavoro Good Vibration, i picchi non mancano assolutamente.

Tuttavia, la parte suonata da David Gilmour rappresenta l’autentica spina dorsale della composizione. Una traccia di questo tipo richiede concentrazione e impegno senza confini. La linea di Gilmour è la più interessante, anche se numerosi strumenti musicali riescono a prendere l’iniziativa all’interno di un pezzo memorabile sotto ogni punto di vista.

Echoes, uno degli apici del percorso artistico di David Gilmour

Dopo l’addio di Syd Barrett, licenziato dai Pink Floyd nel 1968, la band britannica aveva vissuto un periodo alquanto difficile. Lui era la spinta artistica del gruppo, oltre che un’icona per milioni di fan in tutto il mondo. Quando David Gilmour prese il suo posto, Roger Waters si sentiva quasi in dovere di traghettare gli altri membri a suo completo piacimento.

Al momento dell’uscita di Meddle, lui era diventato una guida carismatica per tutti. Ad ogni modo, Echoes era il momento più alto di David Gilmour, un vero lampo di genio, una ciliegina sulla torta. Per apprezzarlo sempre di più, vi invitiamo a sentire la versione di questo straordinario brano solo con la sua parte strumentale di chitarra.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)