gtag('config', 'UA-102787715-1');

Pink Floyd, nominato l’assolo più bello di tutti i tempi

Chi ha realizzato l’assolo di chitarra più bello della storia della musica? Nel corso dei decenni, diversi musicisti di alto livello sono stati designati per un titolo così importante dal punto di vista simbolico. Scopriamo insieme chi può meritarsi un riconoscimento del genere.

La lunga battaglia degli assoli

Tra le autentiche meraviglie della musica rock e non solo, la cosiddetta battaglia degli assoli coinvolge tutti gli appassionati di un genere in continua evoluzione. Non è facile individuare con la massima precisione chi sia in grado di contraddistinguersi in questo particolare, ma numerosi artisti sono da citare grazie a qualità nettamente superiori rispetto alla media.

Da Slah dei Guns N’Roses in Sweet Child O’ MineNovember RainJoe Walsh Don Felder in Hotel California degli Eagles, da Jimmy Page in Stairway to HeavenJimi Hendrix in All Along The Watchtower, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Tanti altri chitarristi sono degni di essere menzionati, tra i quali SantanaEric Clapton, B.B. KingMark KnopflerBrian MayEddie Van HalenTony Iommi. Eppure, secondo una commissione creata proprio per l’occasione, l’assolo più bello è stato di David Gilmour dei Pink Floyd.

David Gilmour, un chitarrista leggendario

Tra i chitarristi più importanti della storia, non può essere non menzionato David Gilmour. Lo storico musicista dei Pink Floyd ha lasciato un’impronta indelebile sia nella sua band, sia nella musica rock in generale. Ha sempre puntato su uno stile fortemente espressivo e personale, unito ad una magia fuori dal comune e ad una melodia davvero ammaliante. Già pensando a lui, numerosi sono gli assoli che potrebbero essere considerati straordinari, tra i quali MotherHave a CigarNot Now JohnWish You Were Here. C’è da sbizzarrirsi con le sue composizioni acustiche, senza lasciare in secondo piano il suo materiale dal vivo. Tuttavia, secondo gli esperti del settore, il vero capolavoro è rappresentato da Comfortably Numb, una delle pietre miliari della lunga storia dei Pink Floyd.

Le origini di Comfortably Numb

Come è nato l’assolo di Comfortably Numb? Tutto è successo in occasione delle sessioni dell’album da solista di Gilmour, che lasciò Roger Waters a bocca aperta. Quest’ultimo realizzò il testo di una canzone tra le più iconiche del percorso artistico dei Pink Floyd, inserito nel lavoro discografico The Wall. Non a caso, il pezzo fu scelto dal complesso britannico per concludere la sua apparizione nel Live 8, l’ultima della band nella sua formazione originaria.

In realtà, il brano musicale è costituito da due assoli. Il primo viene suonato al momento del ritornello ed è piuttosto malinconico. Il secondo, invece, pone in evidenza l’autentica follia di David, capace di trasformare parole in corde di chitarra come pochi altri. Lo strumento utilizzato è la storica Black Strat, coadiuvata da un pedale Big Muff. Da molti, questo assolo viene considerato inimitabile. In pratica, solo David Gilmour può riprodurre un suono di David Gilmour.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)