Comfortably Numb: storia e significato del capolavoro dei Pink Floyd

La leggendaria canzone dei Pink Floyd è stata oggetto di diverse dispute tra i membri della band, l’etichetta e lo stesso produttore di The Wall ancora prima che il brano vedesse la luce.

Le difficoltà per ultimare la canzone e i diritti d’autore

E’ strano come un solo brano possa far discutere animatamente colleghi, amici e artisti. Eppure Bob Ezrin, il produttore di uno degli album più famosi dei Pink Floyd, The Wall, ha raccontato, in un’intervista alla TV canadese, alcuni episodi riguardanti la realizzazione dell’album e in particolare le difficolta incontrate per ultimare Comfortably Numb. Inoltre il disco, pubblicato nel 1979, quest’anno festeggerà il 40esimo anniversario della sua uscita.

Tuttavia come già detto le tensioni non erano poche, tra i membri della band, il produttore e persino l’etichetta discografica, la Columbia Records. Uno dei motivi più importanti erano i diritti di autore. Addirittura, una volta la Columbia mandò una segretaria per farsi consegnare i nastri delle registrazioni dal produttore Bob Ezrin.

“Era solo una brava ragazza mandata in missione. Dissi, ‘Ascolta, il tuo capo ti ha mandato in un posto molto, molto pericoloso.- ha continuato Ezrin – Tu non avrai questi nastri. E non devi tornare qui, altrimenti chiamerò la band e poi non sarò responsabile per quello che ti succederà”.

Il testo di Comfortably Numb

La fine degli anni ’70 fu un periodo un po’ strano per i Pink Floyd. Non andavano d’accordo come prima e a quanto pare la vicinanza con Ezrin contribuì a mantenere saldamente unita la band.

“Avevo scritto una sceneggiatura per l’album, mettendo le canzoni che avevo in un ordine particolare per raccontare la storia, però c’erano dei buchi. – questo è quello che ha detto Ezrin parlando di Comfortably Numb – Quando siamo arrivati ​​a dove “Comfortably Numb” dovesse stare, dovevamo entrare nella testa di Pink… e David (Gilmour) ha suonato la sua idea per la canzone… ed è stato fantastico!”

Il testo della canzone però non fù cosi facile da scrivere. Waters dovette essere spronato più volte dal produttore e si rifiutò spesso di scrivere qualcosa. Dopo molti litigi e provocazioni da parte di Ezrin e dopo che il bassista mandò a quel paese il produttore, Roger si presentò davanti a Bob con il testo di Comfortably Numb. Ezrin lo trovò geniale fin da subito..

“Dissi a Roger, ‘Questo è geniale. Prendilo e scrivi le parole’ .Lui si rifiutò. In sostanza gli dissi, ‘Quindi pensi davvero di non poter fare nulla con questo, eh?… Non pensi di essere abbastanza uomo?’ Lui mi disse: ‘Vaffanculo!’. Abbiamo avuto questa grande discussione come le abbiamo avute per tutto il tempo durante la realizzazione di questa cosa, ma erano sempre amichevoli”.

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)