primo live dei pink floyd

La storia del primo live dei Pink Floyd

La storia dei grandi gruppi rock è costellata da eventi e avvenimenti che purtroppo non sono mai stati documentati o di cui girano solo voci (spesso sbagliate). Una di queste per esempio è che non esistono molte documentazioni o video sul primo live dei Pink Floyd in assoluto. Ne esistono però altre altrettanto interessanti Come il primo live dei Pink Floyd al club UFO di Londra nel 1966.

Pink Floyd, gli inizi e i primi concerti

I Pink Floyd iniziarono la loro carriera nel 1965 quando si chiamavano ancora The Tea Set. La formazione comprendeva Nick Mason, Roger Waters, Richard Wright e Bob Klose ai quali successivamente si unì Syd Barret. Successivamente Bob Klose abbandonò il gruppo per le troppe sonorità psichedeliche che non gli interessavano.

Tra il ’65 e il ’66 quindi il gruppo inizia a farsi conoscere e a suonare a Londra e dintorni. Tra questi primi concerti spiccano le esibizioni che il gruppo tenne al club UFO il principale club underground di Londra in cui suonarono per la prima volta nel dicembre del ’66.

Il primo live dei Pink Floyd all’UFO di Londra

I Pink Floyd suonarono la prima volta all’UFO nel dicembre del ’66. A quei tempi tra il pubblico poteva esserci chiunque tra musicisti e attori: Londra rappresentava una mecca di musica, arte e cultura.E infatti quella volta furono presenti membri dei The Who e Eric Clapton che rimasero scioccati e influenzati dalla presenza e dalla persona di Syd Barret.

Ecco cosa disse in merito Pete Townshend degli Who: ”Syd Barret è stato un’influenza… Syd influenzò anche Eric Clapton. –  disse Pete Townshend degli Who a proposito dell’incontro con Syd Barret – Andammo a sentire i Pink Floyd all’UFO un paio di volte… Una delle band più spaventose che abbia mai visto e non solo perché si facevano di LSD.” Famosa è l’esecuzione di Intestellar Overdrive, non ancor uscita e quindi suonata ancora in modo molto embrionale e diversa da come la conosciamo noi oggi.

 

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)