gtag('config', 'UA-102787715-1');

Prince: quella volta che aprì un concerto dei Rolling Stones e fu insultato dal pubblico

Provate un attimo ad immaginare due mostri sacri del rock come i Rolling Stones e Prince insieme, sullo stesso palco: “incredibile”, penserete. Beh,in realtà il loro incontro fu a dir poco disastroso.

L’incontro tra i Rolling Stones e Prince

Il mondo del rock è ricco di straordinarie ed uniche collaborazioni e, quella tra Prince Rogers Nelson e le pietre rotolanti, avrebbe dovuto lasciare un segno indelebile nella storia del rock. L’incontro, tuttavia, si rivelò un vero fiasco. Ci teniamo subito a precisare una cosa: le innate qualità dei protagonisti di questa storia c’entrano ben poco con quello che accadde quel giorno.

Prima di raccontarvi questa storia è doveroso però fare un passo indietro e cominciare dall’inizio. Nel 1981, mentre i Rolling Stones di Mick Jagger e Keith Richards erano già sul tetto del mondo, un giovane Prince aveva da poco pubblicato il suo terzo album in studio: Dirty Mind. Gli Stones, però, furono uno dei primi gruppi a cogliere le innumerevoli qualità di Prince e decisero così di invitarlo sul palco per un paio di spettacoli al Los Angeles Coliseum. La prima esibizione, datata 9 ottobre 1981, si rivelò purtroppo un vero e proprio disastro: i circa 90 mila spettatori non erano affatto interessati all’ospite d’onore, volevano solo ed esclusivamente la portata principale.

La reazione del pubblico del L.A. Coliseum

Mick Jagger invitò personalmente il giovane Prince ad aprire un paio di show al L.A. Coliseum e, ovviamente, immaginava che il suo pubblico avrebbe apprezzato una voce così caratteristica e singolare. Purtroppo così non fu: le persone tra il pubblico iniziarono ad offendere l’artista con insulti razzisti ed omofobi, bersagliandolo con qualsiasi cosa avessero tra le mani. Quella sera sul palco volò di tutto: bottiglie, lattine, frutta e persino pollo fritto.

“Provate ad immaginare 94 mila persone che lanciano cibo da una parte all’altra: è stata la cosa più folle che abbia mai visto in tutta la mia vita.” Raccontò il bassista Mark Brown, aggiungendo: “Sono stato colpito alla schiena da un pollo fritto, mentre la mia chitarra è stata centrata in pieno da un pompelmo.”

Il cantautore di Minneapolis rimase a dir poco sconvolto da quello che era appena accaduto e dal trattamento che la folla gli aveva riservato e, in cuor suo, giurò che non sarebbe mai più ritornato su quel palco. Jagger, però, riuscì a convincerlo a ritornare in scena due giorni dopo per il secondo show: “Ascoltami, nella mia carriera mi hanno lanciato di tutto: bottiglie, lattine e qualsiasi altro tipo di detrito. Se vuoi diventare un grande musicista devi essere pronto anche a questo.”

Non è un caso, infatti, che Prince sia diventato veramente uno dei musicisti più apprezzati del pianeta.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)