gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quale è l’assolo di batteria più lungo di sempre nella storia del rock?

Quale è l’assolo di batteria più lungo di sempre nella storia del rock? È davvero possibile suonare la batteria per più di 5 giorni? Ma di cosa stiamo parlando? Ve lo spieghiamo noi e vi invitiamo a crederci anche perché non stiamo parlando di un famoso batterista, membro di qualche band famosissima in tutto il mondo. Perché stiamo parlando del più lungo assolo di batteria del mondo, non del migliore. In questo articolo non ci sarà alcun elemento estetico, se non numerico e statistico. Ma ecco che è bene citare il lavoro (anzi, la passione) di Carlos Santos.

Chi è il batterista Carlos Santos?

È molto probabile che non lo conosciate dal momento che, come abbiamo detto prima, non si tratta di un batterista famoso per aver venduto dischi in tutto il mondo. Non è l’ex batterista dei Metallica, degli Who, dei Queens of the Stone Age o di qualsiasi altra band rock o metal che vi venga in mente. Si tratta di un giovane ragazzo portoghese che ha deciso di battere il record mondiale di assolo di batteria e sapete per quante ore ha suonato? Forse non ci crederete neppure, ma se vi dicessimo che Carlos ha suonato per 5 giorni la batteria voi ci credereste? Forse no.

Carlos Santos ha suonato la batteria per 5 giorni!

Il nostro amato batterista ha suonato lo strumento per 133 ore e 3 minuti, con 30 secondi di pausa tra un brano e l’altro e 5 minuti ogni ora. In fondo anche lui deve riposarsi un pochino, tra un giorno e l’altro. Immaginate quando ha deciso di porre fine alle bacchette… sicuramente poi la gratificazione è stata tanta. Ecco perché lui è detentore certificato dal Guinness dei Primati come autore dell’assolo di batteria più lungo della storia e se lo merita tutto, va detto. In più, lo scopo è stato molto nobile e ve lo spieghiamo qui.

Un’opera di beneficenza

Potete vedere l’esibizione di Carlos Santos direttamente dal suo profilo YouTube ufficiale cliccando qui (ecco di seguito il link al video CLICCANDO QUI). Il suo scopo fu quello di raccogliere fondi in Inghilterra per un’associazione inglese che raccoglie tramite la musica fondi e denaro per bambini con problemi cardiaci. E potrete anche mettervi in lista per batterlo ma vi avvisiamo che non sarà certo facile.

Il più lungo assolo di batteria in studio

Per molti anni, il più lungo assolo di batteria nella mia collezione è stato “Boom!” dal doppio album dei Rascals Freedom Suite. È un assolo di batteria di Dino Danelli che dura per 13 minuti e mezzo. Batte di poco i 12 minuti di Ginger Baker nel live “Toad” dei Cream Wheels of Fire. Poi, quando è stato pubblicato il triplo cd live dei Led Zeppelin, How the West Was Won, Dino Danelli venne sostituito dalla versione live di “Moby Dick” su cui John Bonham ha suonato da solo per oltre 17 minuti. Ci sarebbe poi un altro record: un pezzo di percussioni di Glen Velez chiamato “Doctrine of Signatures“. Sapete quando dura? Il percussionista suona per oltre 45 minuti e 40 secondi ed è stato effettivamente pubblicato su CD e Audiocassette. Ma c’è un però: non è in realtà un assolo di batteria poiché è di un piccolo gruppo di percussionisti.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.