gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, Brian May confessa dopo l’infarto: “Ero molto vicino alla morte”

Brian May era stato portato d’urgenza in ospedale dopo aver subito un infarto a casa. Il chitarrista dei Queen era stato ricoverato in ospedale all’inizio del mese per una ferita da giardinaggio che lo aveva lasciato con un muscolo strappato e un nervo bloccato. Brian ha rivelato che nel mezzo del recupero dall’infortunio ha subito un infarto ed era “molto vicino alla morte” durante il calvario. Ora sta meglio ma sta ancora usando le stampelle per aiutarlo a muoversi a causa della sua lesione muscolare. Brian May ha ammesso di essere stato molto vicino alla morte, nonostante ora stia davvero meglio.

Il ringraziamento ai fan

Il chitarrista dei Queen è tornato sui social media martedì per ringraziare i fan per il loro supporto e mandando gli auguri un po’ a tutti. In ripresa dall’infortunio, il Nostro ha ammesso di sentirsi “sopraffatto” e di non avere il pieno controllo delle sue potenzialità e del suo fisico. Brian May ha detto in un video di Instagram: “Sono sopraffatto e davvero, più che toccato dal torrente di amore e supporto che mi è tornato dopo tutta la copertura della stampa, non mi aspettavo davvero tutto questo. Come potete vedere, sto bene. La mia casella di posta elettronica e tutto il resto è così pieno di messaggi incredibili, non sarò mai in grado di ringraziare tutti individualmente“.

Gli omaggi dei fan

Ha confessato: “Questo suonerà davvero strano, ma mi sono sentito quasi morto ed ero molto vicino alla morte. Eppure sono stato in grado di venire al funerale e vedere tutti gli omaggi. Penso spesso che ai funerali tutte queste persone vengano a dire queste cose meravigliose sulla persona che se n’è andata ma questa non può sentir nulla. Sono fortunato, ho avuto modo di ascoltarlo, quindi la mia vita è completa. Sì, mi dispiace se sembra strano, ma non posso confrontarlo con nulla.”

Il recupero con la fisioterapia

Il musicista ha continuato affermando che “si sta rilassando e facendo fisioterapia”. Ha concluso dicendo: “Ma grazie, grazie, grazie, è tutto ciò che posso dire, per la fantastica quantità di amore che mi avete dato. È molto apprezzato, non lo dimenticherò mai.” Ha precisato anche il suo precedente infortunio. Ha detto: “Avevo detto che avevo un muscolo strappato […] e ho pensato che fosse come un bizzarro incidente di giardinaggio.” Per fortuna che se ne è accorto, direte voi.

La precisazione di Brian May

Ha spiegato: ‘Questo è un lato della storia, e ora sto molto meglio. Sono libero da quel terribile dolore che in realtà distrugge la tua mente. Ma il resto della storia è un po’ più bizzarro. Ero scioccato, pensavo di essere un ragazzo in buona salute. Tutti dicono che ho una grande pressione sanguigna e mi mantengo in forma, vado in bici, una buona dieta. Ho avuto – nel mezzo di tutta la saga della parte dolorosa – ho avuto un piccolo infarto. Dico piccolo, non è qualcosa che mi abbia fatto del male. Sono stati circa 40 minuti di dolore al petto e senso di oppressione. È quella sensazione tra le braccia e il sudore”.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.