gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, Brian May: “Ecco perchè amo John Lennon”, la splendida lettera dedicata al leader dei Beatles

John Lennon ha cambiato, senza dubbio, la storia della musica con i suoi Beatles, oltre che il modo di pensare, di parlare e di interpretare la musica stessa. Il leader dei Beatles ha saputo impostarsi come una delle fonti principali di tutto quel cambiamento artistico e concettuale che c’è stato nel secondo scorso e che ha investito la storia dell’arte determinandone una vera e propria rivoluzione. Non a caso, di artisti e personaggi che hanno dichiarato come ci sia stata un’ispirazione nei suoi confronti ce ne sono tantissimi e, tra questi, figura anche il nome di Brian May, che ha deciso di dedicare una splendida lettera a John Lennon, dal titolo “Ecco perchè amo John Lennon”. Vi mostriamo il suo contenuto.

Ecco perchè amo John Lennon, la lettera scritta da Brian May e dedicata a John Lennon

In una lettera carica di ricordo, di ideologia e di tutto il carattere e la personalità di Brian May, raccontato più volte nel corso della storia (anche da Peter Hince, storico roadie della band), il chitarrista dei Queen ha voluto esprimere tutta la sua stima e il suo affetto nei confronti di John Lennon, il leader dei Beatles che ha cambiato la storia della musica con la sua band.Quando ero piccolo non mi era permesso andare ai concerti dei Beatles. I miei genitori pensavano che i concerti pop fossero frequentati dalle persone sbagliate. Così non sono mai andato a vedere dal vivo il più grande fenomeno del 20esimo secolo. Ma dall’istante stesso in cui ho ascoltato Love Me Do per la prima volta alla radio, mi sono reso conto che quei ragazzi erano magici… e che riuscivano a dare voce a tutte le gioie e i desideri nascosti che avevo come teenager che lottava per trovare la sua strada nel mondo degli anni ‘60”, scrive all’inizio della stessa Brian May.

Dovendo poi spiegare i motivi del successo della formazione britannica, il chitarrista ha scritto: “È impossibile mettere in dubbio che la combinazione di quei quattro ragazzi fosse unica, un numero di magia ben riuscito tra milioni, il perfetto gruppo rock in grado di ispirare tutti gli altri gruppi rock e di riscrivere non solo la storia della musica pop ma anche quella dell’intera cultura giovanile. Tuttavia col tempo è diventato chiaro che John Lennon fosse il centro di questo incredibile potere. Oltre al genio melodico del suo amico Paul McCartney, alla spiritualità che emergeva in George Harrison e al batterista che senza dubbio fu il più originale dei suoi tempi, Ringo Starr, fu il pungente Lennon a tenere i Beatles fermamente fuori dalla banalità e dentro i confini di una creatività pericolosa. […] basta citare Tomorrow Never Knows, Lucy in the Sky With Diamonds, e poi ancora I Am the Walrus o Strawberry Fields Forever e non ditemi che non avete un sussulto. Nell’intera storia non esiste nulla di simile. John Lennon, da uno che altro non era se non un teenager ben poco affascinante e con il dente avvelenato, si è trasformato nell’artista più geniale sulla Terra”.

L’amore di Brian May per John Lennon scritto nella sua lettera

Continuando nella sua lettera, Brian May ha dato fede al titolo della stessa, mostrando tutto il suo affetto nei confronti del leader dei Beatles: “È stato così geniale da riuscire a: comporre la più grande canzone pop della storia, almeno secondo la mia modesta opinione, ovvero I Want To Hold Your Hand; abbracciare la psichedelia e trasformarla in qualcosa di musicalmente valido; lasciare i Beatles quando si è reso conto che ormai era diventato un gioco frivolo al quale non voleva più giocare; e, infine, utilizzare tutto il suo talento per la promozione della pace attraverso il suo lavoro come solista, producendo quelli che sono stati quasi certamente gli album più grandi, più audaci e più personali mai realizzati, incluse canzoni come Jealous Guy, la profonda God e l’inno immortale di tutta l’umanità, Imagine”.

Poi ha concluso: “Per tutti noi musicisti post-rivoluzionari (se così si può dire)Lennon è stato, è e sarà sempre… il più grande. Non ho altro da aggiungere”. 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.