gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen: Brian May parla del gesto commovente di Freddie Mercury

Grazie al successo di Bohemian Rhapsody, in cui Rami Malek ha vinto l’Oscar come migliore attore protagonista interpretando il compianto Freddie Mercury, negli ultimi mesi la popolarità dei Queen è schizzata alle stelle. E nuovi dettagli sulla vita della rockstar originaria di Zanzibar emergono in continuazione. Recentemente Brian May è stato invitato come ospite per promuovere un nuovo libro fotografico sulla band. al The One Show della BBC,

Durante la trasmissione, un commosso May ha ricordato come il suo amico e collega Freddie Mercury fosse un fanatico della fotografia, e ha raccontato alla conduttrice Alex Jones una generosa abitudine del cantante ad essa legata.

Il gesto commovente di Freddie Mercury: amore in uno scatto

Alex Jones ha domandato a Brian May se Freddie Mercury fosse un fotografo. “Lo era“, ha risposto il chitarrista. “Lui amava la sua Polaroid“. Infatti, il cantante era solito a fotografare le persone a cui voleva bene; foto artistiche e curate nei minimi dettagli, e poi gliele regalava, senza nemmeno tenersi una copia. “Dalla sua macchina fotografica uscivano centinaia di istantanee, ritratti dei suoi amici a cui poi le donava“, ha continuato May. “La natura generosa di Freddie era una delle caratteristiche che lo distingueva maggiormente. Lui amava la fotografia“.

Infatti l’ex frontman dei Queen e la sua Polaroid erano inseparabili. Se la portava appresso ovunque; nei backstage, in sala prove e anche alle feste!

Il gesto commovente di Freddie Mercury ha lasciato i suoi amici un’eredità a cui non si può dare un prezzo!

Bryan May: l’elogio agli attori e alla produzione di Bohemian Rhapsody

Parlando con Alex Jones della sequenza del film incentrata sul Live Aid del 1985, Brian May ha affermato: “La troupe cinematografica ha realizzato qualcosa di incredibile. Ogni vite, ogni bullone… Hanno davvero fatto un ottimo lavoro!” e parlando degli attori che hanno impersonato i Queen ha aggiunto: “Quei ragazzi sono stati fantastici. Non si sono limitati a recitare la nostra parte, loro quella parte la hanno vissuta. Sono diventati noi, ci hanno creduto, e noi abbiamo creduto in loro“.

Non poteva mancare l’elogio al premio Oscar Rami Malek: “Rami è sensazionale, ha ancora tanti successi e tanti premi che lo aspettano. Il suo futuro è brillante“, ha concluso May.

 

 

Share

Rebecca Buzzetti, classe 1996. Diplomata come creatrice d'abbigliamento da donna, studentessa di giornalismo. Da sempre appassionata di musica, in particolare rock, arte, sport (soprattutto hockey), letteratura, disegno e scrittura. Persona estremamente ironica, aspirante giornalista e scrittrice. (rebecca.buzzetti@gmail.com; Instagram: @rebiush)