gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, Brian May insegna il riff di We Will Rock You in quarantena (VIDEO)

Come aveva promesso ai suoi milioni di followers su Instagram, Brian May continua a tenere aggiornato il proprio profilo con contenuti di intrattenimento e video per alleviare questo periodo di quarantena. La storica chitarra dei Beatles – dopo aver pubblicato, per la gioia dei fan, una breve clip per imparare a suonare l’assolo di Bohemian Rhapsody – è tornato con un altro grande successo della band di Freddie Mercury.

QUEEN, BRIAN MAY INSEGNA IL RIFF PER TIE YOUR MOTHER DOWN

L’ultimo post, pubblicato da Brian May attraverso il proprio profilo Instagram, è solo di qualche ora fa. La storica chitarra dei Queen prosegue nel riportare a galla alcuni dei pezzi più iconici della formazione che condivideva con Freddie Mercury. L’ultimo appunto, in ordine di tempo, è Tie Your Mother Down. La canzone è stata scritta proprio da May e inserita nell’album A Day at the Races, del 1976.

Si dice che il chitarrista ne abbia cominciato a scrivere il testo a Tenerife, mentre lavorava in un osservatorio. Sebbene Tie Your Mother Down non abbia avuto un ottimo riscontro dal punto di vista commerciale, nelle esibizioni dal vivo era uno dei più acclamati e amati dal pubblico. “Un riff per principianti – si legge nella didascalia dell’ultimo post di May su Instagram l’ho scoperto sull’orlo di un vulcano a Tenerife”.

QUEEN, IL SUCCESSO E LA FAMA DI WE WILL ROCK YOU

Appena un attimo prima del riff di Tie Your Mother Down, Brian May aveva deliziato i suoi fan su Instagram con il celebre brano We Will Rock You. “Questo è il riff che mi viene chiesto più spesso” aveva scritto il compagno di band di Roger Taylor e Adam Lambert, sotto la clip. Il brano è sicuramente uno dei più celebri della band di Freddie Mercury – inserito come pezzo d’apertura dell’album News of the World del 1977.

Come nel caso di Tie Your Mother Down, anche We Will Rock You è stata scritta da Brian May. Nel 2004 il magazine Rolling Stone, l’ha inserita alla posizione numero 330 nella classifica delle 500 migliori canzoni della storia. Stando alle parole di May, le tre strofe del singolo vogliono rappresentare le tre età dell’uomo. La fase infantile e piena di speranza; la fase adulta, caratterizzata da coraggio; e l’età senile, in cui si impara ad accettare il proprio posto nel mondo.

BRIAN MAY, “VOLEVO ROMPERE TUTTE LE REGOLE”

“Quando l’abbiamo registrata la prima volta – continua a raccontare Brian May sotto il video di instagram – ero determinato a rompere tutte le regole. Incluso, mettere l’assolo alla fine della canzone invece che da qualche parte in mezzo al pezzo. Ed escludere la battteria! […] Ironicamente è diventato uno dei più amati per la parte della batteria – e questo mi rende molto felice. Ma i battiti dei piedi e delle mani sono diventati un marchio di fabbrica”. 

View this post on Instagram

We WILL Rock You !!! – again – given half a chance !!! 😉 Micro Moment #11. This is the riff I get asked about most often. It gets that strange ‘clang’ to it because I’m playing a high ‘A major’ chord as a ‘bar’ on strings 2, 3 and 4, way up at the octave position, but the A-string is not fretted – it’s left behind at the bottom sounding a low open ‘A’. So you get that ‘interference’ between the harmonics of the component notes. Especially with the amp turned up into distortion, as here. I’m not hitting the bottom ‘E’ at all. When we first recorded this, I was determined to break all the rules. Including putting the solo at the end of the song instead of somewhere in the middle ! And having no drums !!! Funny – ironically it became a drum favourite – which makes me very happy ! But the stamps and claps became a trade-mark. Here you can hear the guitar with NOTHING else !!! Cheers ! Bri

A post shared by Brian Harold May (@brianmayforreal) on

Nel post pubblicato su Instagram dunque – l’attuale compagno di band di Roger Taylor nei Queen + Adam Lambert – si esibisce nello storico riff di We Will Rock You. Ad oggi, ancora uno dei brani più celebri e amati della band di Freddie Mercury.

 

 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.