gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen: Brian May rivela la formazione originale della band

Lo storico chitarrista dei Queen, Brian May ha, recentemente, condiviso nuove dichiarazioni in merito alla line up originale della band. Sembra, infatti, che questa parte della storia, appena raccontata da May, non viene mostrata nel Biopic campione d’incassi, Bohemian Rhapsody. Brian non svela solo la presenza di un quarto membro nei Queen, la cui permanenza è durata solo quattro mesi, ma ricorda anche lo stile eccentrico che l’ha sempre contraddistinto. Il chitarrista dei Queen spiega che Bohemian Rhapsody si incentra principalmente sull’ascesa di Freddie Mercury nel gruppo. In realtà Roger Taylor e Brian May suonavano già insieme alla fine degli anni ’60. La loro prima band si chiamava “1984”. Successivamente, i due formarono gli Smile.

Freddie era un fan sfegatato degli Smile  quando, finalmente, entrò a far parte della band, prima che trovassero il loro primo bassista, Mike Grose. Il chitarrista dei Queen, ha postato una rara foto in bianco e nero in cui viene immortalato anche Mike Grose. Brian May scrive: “Bene, ecco un momento raro condiviso dalla dalla formazione originale dei giovani Queen. Roger Taylor, Mike Grose, Freddie Bulsara e Brian May. Mike era un bassista di Cornwall, era davvero bravo a suonare, ma le cose non andarono bene con lui, così cominciammo a cercare un nuovo bassista che condividesse i nostri sogni. Indovinate poi chi abbiamo trovato!”.

La storia di Mike Grose, il primo bassista dei Queen

Roger Taylor seppe di Mike Grose a scuola, il suo nome gli fu suggerito da altri studenti di Cornwall. Brian May ha aggiunto un commento sulla sua foto scrivendo: “Un giovane Brian coi capelli stirati, proprio come nel film! Penso che questa foto sia stata scattata alle nostre prime prove in un teatro che prenotai, all’Imperial College”. Il quartetto originale suonò insieme solo per tre concerti prima di intraprendere strade diverse. Nel libro “Is This The Real Life? The Untold Story Of Queen”, Mark Blake ha spiegato perché Grose ha lasciato il gruppo poco prima che diventassero famosi.

L’autore afferma: “Grose aveva un lavoro part time di giorno, mentre di notte suonava alle serate. Mike pensava che i Queen avessero del potenziale, ma che non fossero preparati a dovere per poterlo sfruttare. Uscì dal gruppo pochi mesi dopo, ritornò a Cornwall e suonò sporadicamente in un gruppo chiamato No Joke, prima di fondare la sua azienda di trasporti logistici uscendo definitivamente dalla scena musicale. Il cantante dei No Joke era Tim Staffell, la prima voce degli Smile”.

Mike Grose si è spento nei primi mesi del 2019, Brian May e Roger Taylor hanno speso parole di cordoglio meravigliose sui social per celebrarlo un’ultima volta. Mike è vissuto abbastanza a lungo da poter vedere la storia dei Queen sul grande schermo, ma il suo periodo di militanza nel gruppo è stato oscurato.

In occasione della sua morte, Brian May scrive: “Mike Grose fu il primo bassista dei Queen. Era 1970 quando Roger Taylor lo invitò a Londra da Cornwall per provare con noi. Mettemmo insieme le prime canzoni. Era una figura carismatica con un’ottima strumentazione. Il suo suono era enorme, monolitico! Alla fine, le cose tra noi non funzionarono, ma siamo grati a Mike per averci aiutato a muovere i primi passi. Riposa in pace”.

Roger Taylor esplica la sua tristezza nel venire a sapere della morte dell’amico Mike Grose. “L’ho ascoltato suonare per la prima volta in un gruppo chiamato The Individuals, quando eravamo entrambi studenti. Ha sempre suonato meravigliosamente”. Dopo la dipartita di Grose dai Queen, John Deacon non fu né la prima né la seconda scelta del gruppo. Prima di lui, infatti, arrivarono Barry Mitchell e Doug Bogie, con cui si esibirono per un paio di concerti. Nel Febbraio del 1971, John Deacon entrò a far parte dei Queen.

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)