16 January, 2021, 18:06

Queen, Il significato di Don’t try so hard

I Queen sono una delle band più famose e amate dell’universo rock e musicale in genere. Le loro canzoni hanno incantato tantissimi fan che continuano ad oggi a emozionarsi e ricordare quando la formazione aveva come frontman anche Freddie Mercury. Una grande voce, che malgrado i Queen abbiano voluto continuare a esibirsi, è la voce del cuore dei loro fan. Oggi parleremo di una canzone in cui Mercury mostrò il suo grande talento canoro anche con un importante falsetto. Il brano è Don’t try so hard. 

Innuendo

La canzone è tratta da Innuendo, che come ben sappiamo è l’ultimo album che vide i Queen al completo durante la registrazione. Freddie Mercury si trovò a registrare i brani con grande difficoltà, in quanto le sue condizioni a causa dell’AIDS stavano peggiorando. Per questo motivo, le tematiche principali del disco sono assai cupe, tra le quali la morte, percepita come imminente, ma non mancano messaggi di speranza. Si configura come un album assai introspettivo, ma che intrattiene tantissimo.

Il significato di Don’t try so hard

La canzone Don’t try so hard non è una delle più famose del disco, ma ha un significato molto impotante. È stata scritta da John Deacon, per riempire le tracce di Innuendo. Il significato riflette molto l’indole di Deacon, in quanto si tratta di un brano dal testo semplice ma anche funzionale. Sostanzialmente Don’t try so hard vuole mostrare come non bisogna mai provare troppo o così tanto. Non significa in questo senso arrendersi, ma accettare ciò che succede. Affrontare giorno dopo giorno le sfide e gli ostacoli che la vita ci propone. Quante volte di fronte a qualsiasi situazione siamo portati a insistere e insistere, fino alla follia cercando di fare sempre meglio, sempre di più. Eppure, non sempre questo è un bene.

La grande voce di Freddie Mercury

Questo brano è uno di quelli che maggiormente mostra il grande talento canoro di Freddie Mercury. È noto a tutti che avesse una grande estensione vocale, ma anche una brillante versatilità che gli permetteva di passare da una nota all’altra con grande semplicità. Anche facendo passaggi assai difficili e immediati. In questo caso, raggiunge anche note di quattro ottave. Inoltre, gestisce perfettamente tutti gli improvvisi cambiamenti che la canzone prevede. Ciò è interessante se pensiamo anche alle difficili condizioni in cui ha registrato il brano. Certo non abbiamo avuto la fortuna di ascoltarlo dal vivo, come del resto nessuna canzone da Innuendo, ma la voce di Mercury combinata al grande significato ci colpisce fortemente.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna, studentessa di Editoria e Scrittura alla Sapienza. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano", una raccolta di racconti dal titolo "Dipinti, brevi storie di fragilità" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical. (silviargento97@gmail.com)