gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen: Freddie Mercury e Adam Lambert sarebbero diventati amici?

Sembra che sia impossibile smettere di parlarne. A partire dall’uscita nelle sale del biopic musicale Bohemian Rhapsody fino all’annuncio di un tour – forse l’ultimo – che sbarcherà anche in Italia nel 2020. I Queen non hanno certamente guadagnato il successo che hanno solo negli ultimi tempi. La band è diventata immortale soprattutto grazie al suo immortale frontman, Freddie Mercury. Tuttavia, con l’entusiasmo e il revival generale messi in moto da Bohemian Rhapsody, la band britannica si è sicuramente guadagnata una nuova schiera di fan. Il nuovo pubblico – molto folto tra i giovanissimi, che si sono avvicinati ai Queen grazie al film con Rami Malek – si trovano davanti una formazione ben diversa da quella dei tempi d’oro. Freddie Mercury – scomparso tragicamente nel 1991 – è stato sostituito da Adam Lambert – giovane talento di The Voice. Una parola questa – sostituzione – che Lambert non ha mai utilizzato. Il suo intento è stato sempre quello di omaggiare e tenere in vita il ricordo di Mercury. Per questo motivo – e per tanti altri – Brian May e Roger Taylor credono che i due sarebbero diventati buoni amici.

Il nuovo pubblico dei Queen

Dopo l’uscita del biopic musicale Bohemian Rhapsody – nell’inverno del 2018 – i Queen hanno vissuto un vero e proprio revival musicale. Chi li ha ascoltati da sempre si è riconfermato grande amante delle canzoni e della figura di Freddie Mercury. Chi non conosceva bene la loro storia – soprattutto tra i giovanissimi – si è appassionato alla band britannica. “Continuo a sentire da più parti “Mio figlio è adolescente e adesso ama i Queen – ha raccontato Adam Lambert a proposito di questo al programma SiriusXMè tutto merito del film”.

Il successo travolgente di Bohemian Rhapsody ha innescato una seconda età dell’oro per Brian May e Roger Taylor. Non solo si è potuto consacrare e tenere in vita il ricordo di Freddie Mercury. Ma i due membri rimanenti dei Queen – grazie all’incontro con Adam Lambert – hanno potuto continuare a creare e fare musica. “Sono così felice per Brian e Roger – ha continuato Lambert – […] se lo meritano. Queste canzoni sono immortali e loro sono dei musicisti fantastici”.

Il confronto con Freddie Mercury

Da quando Adam Lambert ha preso il posto di Freddie Mercury alla testa dei Queen non sono mancate critiche e polemiche. I puristi dell’epoca d’oro della band britannica non riescono a concepire altro frontman all’infuori di Mercury. Ma se da una parte tali lamentele sono comprensibili, dall’altra è anche vero che Adam Lambert non ha mai cercato di sostituire Freddie Mercury. Il giovane talento di The Voice è perfettamente consapevole delle responsabilità e della pressione che comporta rivestire un ruolo del genere. “Mi sento in dovere di portare la torcia di questo mio grande eroe – ha detto Lambert a SiriusXM[…] Io non sono il suo sostituto. Il nostro intento è solo quello di rendergli omaggio”.

In questa continua battaglia con i detrattori, e in questo confronto incessante con il mito di Freddie Mercury, Adam Lambert ha sempre ricevuto il supporto dei suoi compagni di band. Gli altri Queen – Brian May e Roger Taylor – hanno sempre ribadito il talento del cantante e la sintonia del loro gruppo – fondamentale per fare buona musica. Grazie ad Adam Lambert anche i Queen originali hanno potuto rinascere dopo la morte di Freddie. Come se non bastasse May e Taylor ritengono che Mercury avrebbe apprezzato moltissimo Adam Lambert e i due sarebbero diventati buoni amici. “Io non l’ho mai conosciuto – ha detto il giovane – […] Penso che ci siano davvero dei punti in comune tra di noi. Vorrei solo averlo potuto conoscere. Vorrei che fosse vivo e che non dovessi fare io questi concerti”. 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.