gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, perché Robbie Williams rifiutò di prendere il posto di Freddie Mercury?

Perché Robbie Williams rifiutò di prendere il posto di Freddie Mercury? Sappiamo che al momento la band di Brian May e Roger Taylor, non consideriamo il bassista John Deacon in quanto si è ritirato oltre 20 anni fa, ha un nuovo cantante. Non si tratta di un vero e proprio sostituto di Freddie Mercury ma di un vocalist molto bravo, nonostante le critiche che si prende da ogni dove, che collabora da oltre 5 anni con il gruppo. Oggi la band ha Adam Lambert alla voce e di fatto si tratta di un frontman che canta le vecchie canzoni dei Queen. Prima di lui negli anni Duemila c’è stato Paul Rodgers che ha pure fatto un album di inediti con i Queen. Ma Robbie Williams cosa c’entra con i Queen?

Il sostituto di Freddie

Quando Freddie Mercury morì, i Queen pensarono di sostituirlo con un altro cantante. Tante furono le idee proposte, una tra queste comprendeva anche l’italianissimo Adelmo Fornaciari, aka Zucchero. Ma tra le varie idee c’era anche l’ex Take That Robbie Williams e pare che Brian May gli chiese di entrare nei Queen. Robbie Williams rifiutò di prendere il posto di Freddie Mercury perché riconobbe la manifesta superiorità vocale e soprattutto di carisma del defunto cantante. Per Robbie sarebbe stato qualcosa di estremamente audace e anche la band non ne avrebbe giovato così tanto. Ma forse il motivo del suo non arrivo nel gruppo non riguarda solo questo.

Motivi economici

Robbie Williams ha sempre avuto una buona autostima, nonostante i suoi alti e bassi artistici quando era appena uscito dai Take That. Ma ecco che Robbie Williams decise di non entrare nei Queen anche per un’altra motivazione, ovvero una scelta che riguarda delle questioni economiche. L’ex Take That ha affermato che all’epoca stava cantando negli stadi da solo e avrebbe dovuto condividere il palco con i Queen. Per questo motivo non prese davvero in considerazione l’idea di prendere il posto che fu di Freddie Mercury. Pensate ai Queen costretto ad arrangiare per esigenze discografiche i pezzi di Robbie Williams e al contempo adattare i pezzi di Robbie dal vivo.

Nel 2005

Ma quando venne preso in considerazione da Brian May e da Roger Taylor? Era il 2005 e Robbie Williams aveva registrato anni prima una cover di “We are the Champions” come pezzo che apparteneva alla colonna sonora del film “Il Destino di un cavaliere”. I Queen erano già all’epoca rimasti molto contenti di come Robbie Williams avesse cantato quella canzone leggendaria del gruppo inglese. Nel 2005, 4 anni dopo, Roger Taylor e il chitarrista dei Queen Brian May gli proposero di entrare nel gruppo.

L’altro candidato

Ricevettero da Robbie Williams un secco rifiutò e per questo ripiegarono sull’ex voce dei Bad Company e dei Free, ovvero Paul Rodgers, che invece accettò di buon grado. Ma I Queen avevano pensato anche ad altri nomi? Ovviamente sì. Tra questi c’era pure George Michael, l’ex voce degli Wham! e poi fortunato solista. Molti erano rimasti veramente colpiti dalla sua esibizione al Freddie Mercury Tribute Concert della canzone Somebody To Love. Ma anche George Michael rifiutò dicendo che con i Queen non c’entrava nulla artisticamente.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.